Con Rondoni per Forlì
Alessandro Rondoni
Notice
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo sito internet utilizza cookie per gestire accessi, navigazione e altre funzionalità. Utilizzando il nostro sito internet, accetti il fatto che possiamo salvare cookie nel tuo computer.

    Visualizza la normativa relativa sul sito europeo.

Comunicato stampa n. 561


TIFO AZZURRO AL RONDO POINT LUNEDI’ 27 GIUGNO ALLE 18
CON LA VISIONE DI ITALIA-SPAGNA AGLI EUROPEI 2016

Lunedì 27 giugno alle ore 18 al Rondo Point (corso della Repubblica, angolo piazza Saffi) vi sarà la visione di Italia-Spagna, partita degli ottavi di finale agli Europei 2016 in Francia, e Alessandro Rondoni incontrerà i cittadini. Al Rondo Point, punto di incontro, ascolto e informazione, si seguono le partite dell’Italia e le fasi finali dei Campionati europei.

        Forlì, 25/6/2016

partite-europei-al-rondo-point

 

****

festa-insieme-sito

****

Comunicato stampa n. 560

RONDONI INCONTRA I CITTADINI LUNEDI’ 13 GIUGNO AL RONDO POINT 

DOVE SI SEGUIRA’ ANCHE ITALIA-BELGIO AGLI EUROPEI 2016

Dialogo sulla politica nazionale e locale, il voto alle amministrative e la “crisi di Giunta” a Forlì

Saranno presentate le proposte estive del Rondo Point, fra cui la visione delle partite del campionato europeo

Alessandro Rondoni lunedì 13 giugno alle 20.30 incontrerà i cittadini al Rondo Point (corso della Repubblica, angolo piazza Saffi) per dialogare sulla politica nazionale e locale, compresi i risultati delle recenti elezioni amministrative, i prossimi ballottaggi e la “crisi di Giunta” a Forlì con l’azzeramento della squadra degli assessori da parte del Sindaco. Il già candidato sindaco nel 2009, poi capogruppo in Consiglio Comunale e candidato alle elezioni europee e regionali nel 2014, dichiara: «Vista la grave crisi in atto, ora occorre dichiarare lo stato di emergenza e procedere ad un notevole cambiamento politico. Ci vuole un “Patto per Forlì” su alcuni punti e obiettivi programmatici condivisi dalle forze politiche responsabili e non estremiste per cambiare marcia e far uscire la città dalla stagnazione in cui si trova». Rondoni poi aggiunge: «Per continuare una politica popolare, in mezzo alla gente, ho di recente incontrato i cittadini in un “botta e risposta” anche a Forlimpopoli e ho seguito a Cesenatico la manifestazione di chiusura della campagna elettorale del sindaco uscente, Roberto Buda». Lunedì sera, inoltre, al Rondo Point saranno presentate le proposte culturali e le iniziative estive e alle ore 21 vi sarà anche la visione di Italia-Belgio, la partita d’esordio degli Azzurri agli Europei 2016 in Francia. Venerdì 17 giugno, poi, alle ore 15 si seguirà Italia-Svezia e mercoledì 22 alle ore 21 Italia-Irlanda.

Forlì, 11/6/2016

****

Comunicato stampa n. 559


LUNEDI’ 30 “BOTTA E RISPOSTA CON ALESSANDRO RONDONI” A FORLIMPOPOLI

La conviviale alle ore 20 al “Ristorante Edo”: dialogo e confronto con i cittadini
sulla politica locale e nazionale, l’attualità e le prossime iniziative 


 “Botta e risposta con Alessandro Rondoni” lunedì 30 maggio alle ore 20 al “Ristorante Edo” a Forlimpopoli. Il già candidato sindaco a Forlì nel 2009 e alle elezioni europee e regionali nel 2014, incontrerà i cittadini per rispondere alle domande sulla politica locale e nazionale, sull’attualità e per illustrare le prossime iniziative culturali. All’incontro, organizzato dall’Associazione Rondo Point, dal periodico ForzARomagna e dal Comitato con Rondoni, verrà anche raccontato con immagini e testimonianze dei partecipanti il “Viaggio dell’incontro” a Roma per il Giubileo della Misericordia, con l’udienza del Papa in piazza San Pietro, svoltosi dall’8 al 10 aprile. Rondoni, inoltre, ricorderà, anche con brani tratti dal suo libro “La più umana delle passioni” (Bur Rizzoli), don Francesco Ricci, educatore, missionario e comunicatore nel venticinquesimo anniversario della morte. «Come sempre - afferma Rondoni - sarà un dialogo aperto sui recenti fatti di cronaca locale, sulla crisi dei partiti, i referendum, il bisogno di rifondare l’Europa. In questo tempo di crisi e confusione continuiamo a promuovere la cultura dell’incontro e anche la politica deve essere un servizio per costruire ponti e non muri». L’iniziativa è a sostegno dell’adozione a distanza di un bambino (Avsi) da parte del Rondo Point e verrà anche segnalata la possibilità di devolvere il 5x1000 per le attività del Rondo Point (codice fiscale 92073460401).
    
    Forlì, 28/5/2016

****

manifesto-cena-edo

****

Comunicato stampa n. 558

RONDONI INCONTRA I CITTADINI AL RONDO POINT LUNEDI’ 18 APRILE ALLE ORE 12
 
Alessandro Rondoni lunedì 18 aprile alle ore 12 incontrerà i cittadini al Rondo Point, in Corso della Repubblica 2 ter, angolo piazza Saffi, per dialogare sulla politica locale e nazionale, sul referendum del 17 aprile e per presentare le prossime iniziative. «In un momento - afferma il politico forlivese - in cui gli effetti negativi della crisi continuano a farsi sentire sui vari aspetti della vita quotidiana, è importante ascoltare le esigenze e le proposte dei cittadini anche per poter far ripartire l’economia e aiutare la vita reale della gente, soprattutto con la tutela del lavoro, della casa e della famiglia». Sarà, inoltre, ricordata la possibilità di sostenere le iniziative del Rondo Point con il 5x1000 al momento della dichiarazione dei redditi, indicando nell’apposito riquadro il codice fiscale 92073460401.

Forlì 17/04/2016

 

****

“Viaggio dell’incontro” del Rondo Point a Roma dall’8 al 10 aprile. Visita alla città e ai monumenti. Udienza del Papa il 9 in piazza San Pietro per il Giubileo della Misericordia

 

Viaggio-dellincontro-a-RomaJPG

****

Comunicato stampa n. 557

FORLIVESI IN VISITA A ROMA CON “I VIAGGI DELL’INCONTRO” 
DEL RONDO POINT E DI FORZAROMAGNA DALL’8 AL 10 APRILE

Parteciperà anche Rondoni al tour nella capitale con visita ai monumenti e alla città 
e sabato 9 all’udienza del Papa in Piazza San Pietro in occasione del Giubileo
 
Si svolgerà dall’8 al 10 aprile “Il viaggio dell’incontro” a Roma organizzato dal Rondo Point e da ForzARomagna. Parteciperà anche Alessandro Rondoni che, insieme al gruppo di forlivesi, visiterà i principali luoghi e monumenti della capitale. La mattina di sabato 9 aprile, inoltre, i partecipanti si recheranno in Piazza San Pietro all’udienza del Papa in occasione del Giubileo della Misericordia seguendo così anche l’appuntamento con i giornalisti, fra cui vi saranno pure Maria Depalma e Antonietta Tartagni del periodico ForzARomagna e della rivista “Il Nuovo Areopago” editi dalla forlivese La Nuova Agape. «In questo tempo così confuso in cui rischia di prevalere la paura - afferma Rondoni - è importante continuare a viaggiare, conoscere ed esplorare, per incontrare arte, bellezza e cultura, e pregare per la pace nel mondo e le vittime del terrorismo. Nell’anno giubilare, che significa anche tempo di rinnovamento, è fondamentale continuare ad impegnarsi per un mondo più umano».
 
Forlì 07/04/2016

****

Comunicato stampa n. 556

 RONDONI SUGLI ATTENTATI A BRUXELLES: «IL CUORE BATTE PER L’EUROPA 
DELLA CIVILTA’, DEI DIRITTI E DELLE ISTITUZIONI DEMOCRATICHE»

Il politico forlivese, già candidato alle ultime elezioni europee del 2014, esprime dolore per i morti e i feriti. 
«Una nuova via crucis dell’umanità. Costruiamo un’Europa più unita, servono più prevenzione e sicurezza»
 
Sugli attentati terroristici di questa mattina a Bruxelles, il politico forlivese Alessandro Rondoni, candidato alle ultime elezioni europee del 2014 nel collegio Nord-Est, afferma: «Il cuore batte per l’Europa, faro della nostra civiltà che offre pace, libertà, diritti e istituzioni democratiche. Servono più prevenzione e sicurezza,  si deve operare per costruire un’Europa ancora più unita che non dimentichi le sue radici nel momento in cui è colpita al cuore». Un pensiero è rivolto ai morti e ai feriti, fra cui alcuni italiani ricoverati in ospedale: «È forte il dolore per le vittime di questi terribili attentati. Gli attacchi nell’aeroporto e nella stazione della metropolitana oggi, proprio nella settimana santa verso la Pasqua, sono la stazione di una nuova via crucis dell’umanità».  

Forlì 22/03/2016

 

****

Comunicato stampa n. 555

 RONDONI INTERVERRA’ LUNEDI’ 14 MARZO A MODIGLIANA 
SU TURISMO,
LAVORO E BENESSERE NEL TERRITORIO

 L’incontro pubblico alle 20.30 nella Sala Bernabei: «Cultura e promozione per favorire lo sviluppo»
Ha partecipato il 10 alla visita del Rondo Point con sessanta persone alla mostra su Piero della Francesca

 Lunedì 14 marzo alle ore 20.30 a Modigliana, Alessandro Rondoni interverrà su turismo, lavoro e benessere nel territorio insieme a Liviana Zanetti, presidente Apt Emilia-Romagna, all’incontro pubblico nella Sala Bernabei dal titolo “Nuove prospettive di lavoro fra benessere e turismo religioso”. «Per la sua posizione strategica - afferma il politico e giornalista forlivese - le ricchezze naturali, culturali e la qualità degli operatori, il nostro territorio ha le caratteristiche per essere fra i primi nel settore turistico di qualità. Abbiamo tutto, il mare, la campagna, la collina, la montagna, le fiere, le città d’arte, i cammini e i pellegrinaggi religiosi, i percorsi naturalistici, salutistici, enogastronomici e culturali, ma dobbiamo fare squadra, con una adeguata promozione, per una proposta integrata di “Wellness Valley”, nel progetto “Welcome Romagna”, che dia sviluppo e nuove opportunità di lavoro, specialmente ai giovani». Nel percorso di valorizzazione delle iniziative culturali del territorio, Rondoni ha partecipato il 10 marzo alla visita guidata del Rondo Point con sessanta persone alla mostra “Piero della Francesca. Indagine su un mito” ai Musei San Domenico di Forlì.
 
Forlì 11/03/2016

 

visita

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ****

Comunicato stampa n. 554

 GIOVEDI’ 10 MARZO VISITA GUIDATA DEL RONDO POINT 
ALLA MOSTRA SU PIERO DELLA FRANCESCA AI MUSEI SAN DOMENICO

 Parteciperà anche Rondoni che, inoltre, interverrà lunedì 14 nella Sala Bernabei a Modigliana al convegno 
su turismo, lavoro, benessere e territorio: «La cultura si conferma uno strumento di sviluppo e promozione»
    

Giovedì 10 marzo alle ore 17 si svolgerà la visita guidata, proposta dal Rondo Point, alla mostra “Piero della Francesca. Indagine su un mito” ai Musei San Domenico, alla quale parteciperanno una sessantina di persone divise in gruppi con posti già tutti prenotati. Sarà presente Rondoni che sottolinea: «Arte e cultura si confrontano sulla bellezza di una proposta che si conferma anche strumento importante di promozione del territorio e di sviluppo economico». Il politico forlivese, inoltre, lunedì 14 marzo alle ore 20.30 nella Sala Bernabei a Modigliana, interverrà all’incontro pubblico “Nuove prospettive di lavoro fra benessere, turismo e territorio” insieme a Liviana Zanetti, presidente Apt Emilia-Romagna. Rondoni ha anche partecipato sabato 5 marzo a Firenze all’incontro “La libertà della cultura. Amici, cioè liberi” dove sono intervenuti, fra gli altri, Francesco Botturi, prorettore dell’Università Cattolica, Daniele Marrama, presidente della Fondazione Banco di Napoli, e il cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze. L’8 marzo, giornata della festa della donna, Rondoni ha aderito all’iniziativa “La donna ha inventato l’amore sulla terra” facendo la spesa in un supermercato A&O-Famila dove una parte del ricavato è stata devoluta al Centro di Aiuto alla Vita per sostenere donne in gravidanza, ragazze madri, mamme e papà con figli piccoli in situazioni di fragilità e bambini soli.

Forlì 9/03/2016

spesa-AO 

 

 

 

 

 

 

 

 


****

Comunicato stampa n. 553

RONDONI INCONTRA I CITTADINI AL RONDO POINT VENERDI’ 4 MARZO ALLE 12: «CRISI, DENATALITA’, IMMIGRAZIONE E TRATTA DEGLI UOMINI LE VERE EMERGENZE»

«Urgono politiche per sostenere la famiglia e superare questo trend negativo che non crea speranza e futuro». Il politico forlivese esprime vicinanza ai familiari degli italiani rapiti in Libia e apprensione per la loro sorte

Alessandro Rondoni venerdì 4 marzo alle ore 12 incontrerà i cittadini al Rondo Point, in Corso della Repubblica 2 ter, angolo piazza Saffi, per dialogare sulla politica locale e nazionale e per presentare le prossime iniziative fra cui quella di martedì 8 marzo, giorno della Festa della Donna, in cui aderirà alla proposta del Centro di Aiuto alla Vita facendo la spesa in uno dei supermercati A&O-Famila dove una parte del ricavato sarà devoluta per sostenere donne in gravidanza, ragazze madri, mamme e papà con figli piccoli in situazioni di fragilità e bambini soli. Giovedì 10 marzo, inoltre, parteciperà alla visita guidata del Rondo Point alla mostra “Piero della Francesca. Indagine su un mito” ai Musei San Domenico. «Viste le tristi notizie che giungono in queste ore dalla Libia - afferma Rondoni - esprimo vicinanza ai familiari degli italiani rapiti e apprensione per la loro sorte e per il destino di quelle zone così vicine all’Italia». Il politico forlivese prosegue: «Rispetto al dibattito politico di queste settimane che ha spaccato e distratto l’Italia, le priorità sono altre: la crisi economica, la denatalità, l’immigrazione, la tratta degli esseri umani. C’è uno scollamento tra i problemi, il Paese reale e i palazzi della politica». E aggiunge: «La denatalità evidenziata dall’ultima indagine Istat è allarmante perché è ai minimi storici dalla nascita dello Stato italiano, con forti ricadute economiche e sociali. Urgono ora politiche pro famiglia per superare questo trend negativo che non crea speranza e futuro per il nostro popolo». Inoltre, sulla recente aggressione al professor Angelo Panebianco da parte di un collettivo di studenti di estrema sinistra all’Università di Bologna, Rondoni ha commentato su facebook: «È un attacco alla libertà di insegnamento, di espressione e di cultura e ci riporta ai tempi cupi in cui negli atenei si è alimentato il disordine e pure il terrorismo. Si può criticare, dissentire, ma non si può usare la violenza per censurare il pensiero altrui. La democrazia si costruisce e si difende con parole e gesti di libertà».

Forlì 03/03/2016

 

****

«A Ferrara fra la metafisica di De Chirico a Palazzo dei Diamanti, le bellezze del centro storico della città e l’incontro dei giornalisti Ucsi nella rinnovata chiesa di Santo Stefano, con le profonde parole dell’arcivescovo mons. Luigi Negri sulla verità nell’informazione. Arte, cultura e fede per una comunicazione autenticamente umana».
(pubblicato il 24/2/2016 su  https://www.facebook.com/rondonialessandro/)



de-chirico gruppo-ferrara

con-negri

 ****

«Grande evento oggi al Morgagni per Forlì-Parma: sfida al vertice conclusasi 0-0 con diverse emozioni, pali, gol annullato, occasioni da rete...tribuna piena e tifo d'altri tempi e categorie. Una bella pagina nella storia del #‎forlìcalcio. E ospite d'eccezione mister Sacchi...#‎aléfurlè»
(pubblicato il 21/2/2016 su  https://www.facebook.com/rondonialessandro/)

1 rondo-sacchi      forli-parma

 

 

****

Comunicato stampa n. 552

 RONDONI INCONTRA I CITTADINI AL RONDO POINT GIOVEDI’ 4 FEBBRAIO ALLE 17

Dialogherà sulla politica locale e nazionale e racconterà la partecipazione al Family Day a Roma

Alla messa del Vescovo in Duomo alle 11 e alla tradizionale fiera per la festa della Madonna del Fuoco


Alessandro Rondoni giovedì 4 febbraio alle ore 17 incontrerà i cittadini al Rondo Point, in Corso della Repubblica 2 ter, angolo piazza Saffi, per dialogare sulla politica locale e nazionale, illustrare le prossime iniziative e raccontare la sua partecipazione al Family Day a Roma lo scorso 30 gennaio. Inoltre, giovedì 4 febbraio, giorno della Festa della Madonna del Fuoco, Rondoni parteciperà alla messa presieduta dal Vescovo in Cattedrale alle ore 11 e poi alla tradizionale fiera in centro. «La festa della Patrona - afferma il politico forlivese - è da secoli un importante momento di aggregazione popolare e di valorizzazione dell’identità forlivese ed è per questo che ho sempre chiesto, pure con interpellanze in Consiglio Comunale, che il Comune valorizzi questa ricorrenza anche come festa civile, e non solo religiosa, mettendo in campo iniziative in collaborazione con le associazioni cittadine». Rondoni, inoltre, ha partecipato mercoledì 3 febbraio ai funerali dell’on. Stefano Servadei, «un galantuomo della politica innamorato della Romagna», nella chiesa di San Salvatore presso la Residenza Zangheri, ed è intervenuto all’incontro regionale dei giornalisti “La comunicazione come dialogo e comprensione reciproca” svoltosi il 29 gennaio a Piacenza con duecento operatori della comunicazione provenienti da tutta l’Emilia-Romagna. Rondoni, che ha partecipato al Family Day il 30 gennaio al Circo Massimo, sulla pagina facebook ha scritto: «Nel rispetto di tutti, specie dei figli, sono a Roma: un popolo, una piazza, una famiglia».        

Forlì 03/02/2016

 

**** 

Comunicato stampa n. 551

RONDONI RICORDA SERVADEI: “UN GALANTUOMO, UN POLITICO FEDELE ALLO SPIRITO DELLA COSTITUZIONE E INNAMORATO DELLA ROMAGNA”



Alessandro Rondoni ricorda l’on Stefano Servadei sottolineando che “è stato lungamente protagonista della vita politica cittadina e nazionale, fedele interprete dello spirito della Costituzione che ha rilanciato spesso con le sue “famose” lettere ai giornali, che batteva a macchina con precisione e costanza. Quando presentai con lui il suo ultimo libro al Rotary mi confidò che aveva imparato a scrivere così durante la sua detenzione, in un campo di prigionia in Svizzera, dove scriveva pagine con minuta calligrafia, con righe strette una dietro l’altra che inneggiavano la libertà. E’ stato un galantuomo, un politico combattivo e tenace, consapevole che l’incontro tra la cultura socialista, cui apparteneva, cattolica e liberale aveva intessuto la nostra Costituzione e che ancora oggi serve allo sviluppo dell’Italia”. Rondoni ricorda, inoltre, l’impegno di Servadei per l’autonomia della Romagna: “L’ho incontrato più volte ai raduni del Mar che presiedeva, insieme al sen. Cappelli recentemente scomparso, e con cui, insieme ad altri amici ha tenuto alta la bandiera del nostro territorio, indicando nella libertà la strada da compiere”. Rondoni parteciperà ai funerali mercoledì 3 febbraio alle 11 nella chiesa di S. Salvatore presso la Residenza Zangheri in via Andrelini.

Forlì 01/02/2016

****

Comunicato stampa n. 550

CORDOGLIO DI RONDONI PER LA MORTE DI PERSIANI: «HA DATO VOCE AL NOSTRO TERRITORIO, HA FATTO CRESCERE IL PLURALISMO INFORMATIVO E TANTI GIORNALISTI»


Alessandro Rondoni esprime cordoglio per la morte dell’ing. Annibale Persiani, storico fondatore negli anni Settanta dell’emittente tv Teleromagna. Il politico e giornalista forlivese lo ricorda: «Ho avuto il piacere di conoscere l’ing. Persiani, il pioniere della tv locale, in una bella esperienza formativa quando avevo vent’anni e collaboravo con Teleromagna in via Fortis e lui andava anche su e giù dal vicino negozio di dischi in corso della Repubblica. Lo ricordo come un uomo volitivo e appassionato del proprio lavoro, che ha dato voce al nostro territorio, ha fatto crescere una generazione di giornalisti e comunicatori e ha favorito il pluralismo informativo. Ricordo anche, nelle mie prime esperienze giornalistiche, i tanti personaggi e i politici di allora, locali e nazionali, che venivano intervistati nei servizi tg e nei programmi di Teleromagna». Rondoni esprime condoglianze alla famiglia e parteciperà ai funerali.
    
Forlì 25/01/2016

 

****

Comunicato stampa n. 549

RONDONI: «RICORDO FRANCO RUSTICALI MEDICO CON A CUORE LA SUA CITTA’»

«Fino all’ultimo appassionato del destino di Forlì. Lo conobbi nella stagione delle diverse
posizioni politiche, poi in quella del confronto aperto e nella sua disponibilità al dialogo»

 «Ho avuto modo di conoscere Franco Rusticali nei vari momenti della sua attività come medico, sindaco, amministratore, volontario, fino all’ultimo ha avuto a cuore il destino della sua città» ricorda Alessandro Rondoni, candidato sindaco a Forlì nel 2009 e poi alle europee e alle regionali 2014. «Quando era sindaco abbiamo avuto - continua - posizioni politiche diverse e poi sono seguiti, invece, momenti di confronto aperto. Quando nel 2009 mi sono candidato sindaco a Forlì, ho apprezzato la sua disponibilità al dialogo, anche quando passava con discrezione al Rondo Point e raccontava fatti positivi e criticità di Forlì, compresa la recente vicenda dell’aeroporto. È stato protagonista della stagione della crescita della sanità, del polo aeronautico, dell’ospedale. Pur non essendogli state risparmiate ultimamente amarezze e delusioni, anche da quello che fu il suo mondo politico, ha mostrato dignità e fino alle ultime volte che l’ho incontrato ha sempre guardato avanti». Rondoni parteciperà ai funerali ed esprime le proprie condoglianze alla moglie, ai figli, ai nipoti e ai familiari.

Forlì, 22/12/2015

****

 

Comunicato stampa n. 548

RONDONI HA INCONTRATO CENTO CITTADINI ALLA CONVIVIALE DEL RONDO POINT: 
«INSIEME CON LA VOGLIA DI  IMPEGNARSI. NOI IMBRACCIAMO LA SOLIDARIETA’»

All’appuntamento natalizio il confronto sulla politica: «Senza paura continuiamo a ritrovarci in questo momento di crisi e confusione per costruire e non per distruggere, per ragionare e non urlare»

Alessandro Rondoni ha incontrato cento cittadini alla conviviale natalizia organizzata dal Rondo Point e da ForzARomagna domenica 13 dicembre al ristorante “Le Terrazze”. «In questo difficile momento storico di crisi e di confusione, anche in politica - ha sottolineato - il primo gesto di libertà è quello di ritrovarsi insieme, non rassegnarsi alla solitudine ma continuare a impegnarsi con la voglia di cambiamento». Il politico forlivese, già candidato sindaco a Forlì nel 2009 e alle elezioni europee e regionali, ha iniziato il dialogo con i cittadini nel ricordo delle vittime degli attentati di Parigi, proprio ad un mese dalle stragi del 13 novembre, con la proiezione di alcune immagini e l’ascolto della Marsigliese. «Siamo colpiti da questa terribile vicenda - ha aggiunto - ma non dobbiamo lasciarci vincere dalla paura. Il miglior modo per reagire, oltre a garantire la sicurezza, è lanciare un’offensiva culturale, riaffermando le tradizioni e la storia della nostra civiltà, nel rispetto delle diversità e nella ricerca del dialogo. Mentre c’è chi sceglie la violenza e imbraccia i kalashnikov, noi scegliamo la pace e imbracciamo la solidarietà». E ricordando, inoltre, il 67° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo celebrato alcuni giorni fa, Rondoni ha detto: «La politica deve servire all’uomo per migliorare la società nel rispetto della libertà e della dignità umana». Al termine vi è stato lo scambio degli auguri natalizi e sono stati anche presentati i progetti di solidarietà dell’Avsi dal responsabile Franco Argelli, fra cui l’adozione di un bambino da parte del Rondo Point. Alla conviviale sono, inoltre, intervenuti esponenti politici ed ex consiglieri, fra cui Stefano Gagliardi, Paola Casara, Roberto Gasperoni, Pier Franco Rolli, Vincenzo Bongiorno, Raffaele Procicchiani, Ulisse Babini, alcuni candidati alle recenti elezioni dei Comitati di quartiere e il presidente provinciale di Confedilizia, Carlo Caselli. Rondoni, poi, insieme ad Aurelio Angelucci, il popolare Tugnaz, ha fatto un brindisi per la Romagna. Fra gli ospiti del Rondo Point anche Giovanni Fasciano dell’associazione “Pari Diritti”.

Forlì, 14/12/2015

 

****

 Comunicato stampa n. 547

 DOMENICA 13 RONDONI INTERVERRA’ ALLA CONVIVIALE NATALIZIA DEL RONDO POINT: 

«È IMPORTANTE QUEST’ANNO RITROVARSI INSIEME, ANCHE PER VINCERE LA PAURA»

Durante la cena di Natale al ristorante “Le Terrazze” saranno pure presentati il nuovo numero 
di ForzARomagna e le iniziative di solidarietà, fra cui l’adozione a distanza di un bambino con Avsi

Alessandro Rondoni, domenica 13 dicembre alle ore 20 al ristorante “Le Terrazze”, interverrà alla conviviale natalizia organizzata dal Rondo Point, dal Comitato Con Rondoni e dal periodico ForzARomagna. «È importante quest’anno ritrovarsi insieme - afferma il politico forlivese - visti i tempi di crisi economica, di emergenza politica, di terrore e dolore dopo i recenti attentati. Non lasciarsi vincere dalla paura significa aprirsi alle sfide del nuovo tempo, riaffermare i principi e i gesti della propria cultura, anche confrontandosi e raccontandosi i fatti e le esperienze vissute nel 2015. Continuiamo ad impegnarci, anche in politica, per costruire il bene comune in mezzo alla gente, con la nostra voglia di cambiamento». Durante la conviviale, inoltre, verranno presentati il nuovo numero di ForzARomagna, le iniziative del 2016 e i progetti di solidarietà dell’Associazione Rondo Point, fra cui l’adozione a distanza di un bambino, in collaborazione con Avsi. In occasione della Festa di Santa Lucia, domenica 13 alle ore 16 Rondoni incontrerà i cittadini al Rondo Point, allestito in versione natalizia. «Anche quest’anno - aggiunge - seguendo la tradizione, abbiamo portato il presepe, l’albero e le luminarie al Rondo Point, proprio lì in Piazza Saffi, come segno di speranza per tutti».   

Forlì, 11/12/2015

al-Rondo-Point-con-presepe-e-albero.pg

 

 ****

Comunicato stampa n. 546
 
RONDONI INCONTRA I CITTADINI AL RONDO POINT VENERDI’ 4 DICEMBRE ALLE ORE 12

Martedì 8 dicembre alle ore 17 l’allestimento natalizio: «Anche quest’anno, seguendo la tradizione, porteremo
 il Presepe, l’Albero e le luminarie al Rondo Point, in Piazza Saffi, come segno di speranza per tutti»  

Alessandro Rondoni venerdì 4 dicembre alle ore 12 incontrerà i cittadini al Rondo Point, in Corso della Repubblica 2 ter, angolo Piazza Saffi a Forlì, per rispondere alle domande, illustrare le proposte politiche e le prossime iniziative. Il Rondo Point, inoltre, da martedì 8 dicembre alle ore 17 sarà allestito in versione natalizia con il Presepe e l’accensione dell’Albero di Natale e delle luminarie, offerti dall’Associazione italiana Amici del Presepio, sezione “Roberto Vallicelli” di Forlì, dal vivaio “Verde impresa” di Meldola e da “Carpe Diem” di Forlimpopoli. «Anche quest’anno, seguendo la tradizione - afferma Rondoni - porteremo il Presepe, l’Albero e le luminarie al Rondo Point, proprio in Piazza Saffi, come segno di speranza per tutti. In questo delicato momento storico, infatti, è importante offrire, senza alzare muri e barriere, un messaggio di pace e un punto di luce acceso nel cuore della città».

 Forlì, 3/12/2015

CENA-NATALE-foto-web

****

Comunicato stampa n. 545

RONDONI: «RICORDO UBALDO MARRA, CON LUI TANTE CONVERSAZIONI 
UTILI ALLA RIFLESSIONE E ALL’IMPEGNO CIVILE E POLITICO»

 Alessandro Rondoni esprime cordoglio per la morte di Ubaldo Marra: «Lo ricordo in tante occasioni pubbliche, in incontri e conversazioni utili alla riflessione e all’impegno civile e politico. Con lui, grazie anche alla sua passione politica e all’amore per la città, ci si confrontava con piacere confidandosi reciprocamente progetti e soddisfazioni, ma anche le amarezze di un tempo in cui la politica non è più vissuta nel rapporto con la gente e con il territorio». Il politico forlivese aggiunge: «In molte occasioni ci siamo anche confrontati su iniziative di solidarietà e ricordo pure la sua disponibilità mostrata nel 2009 con alcuni servizi di trasporto in occasione dell’arrivo in città di centocinquanta giornalisti da tutta Italia per il 90° di fondazione de “il Momento”».

 Forlì, 13/11/2015

 

****

 Comunicato stampa n. 544

RONDONI: «RICORDO IL PROF. PERSIANI,  IL SUO IMPEGNO 
PER L’UNIVERSITA’ E IL POLO TECNOLOGICO AERONAUTICO»

«Ricordo il prof. Franco Persiani, il suo grande impegno nel mondo universitario per far crescere e sviluppare non solo la facoltà di Ingegneria Aerospaziale ma l’intero Polo Tecnologico Aeronautico di Forlì» afferma il politico forlivese Alessandro Rondoni. «Si è distinto - continua - per l’insediamento dell’Università in Romagna, per progetti scientifici in regione e la più recente realizzazione del centro “Ciclope”. La vocazione  aeronautica di Forlì, compreso il suo Aeroporto, il centro Enav e la presenza universitaria sono un’evidenza che è stata resa possibile anche dall’opera del prof. Persiani». Rondoni, inoltre, esprime cordoglio e vicinanza alla famiglia.

Forlì, 30/10/2015

 

 ****

Comunicato stampa n. 543

RONDONI: «IL SEN. CAPPELLI ESEMPIO DI IMPEGNO E RAPPRESENTANZA IN POLITICA»


Il cordoglio per la morte dell’ex parlamentare, già sindaco di Sarsina e fra i fondatori del Mar

«Il senatore Lorenzo Cappelli è stato un protagonista della vita politica del nostro territorio, fedele ai suoi  principi e alla sua terra» afferma Alessandro Rondoni, politico e giornalista forlivese, già candidato sindaco a Forlì nel 2009 e alle elezioni europee e regionali 2014. «Ha amato la Romagna - continua Rondoni - e l’ha valorizzata promuovendo anche il suo riconoscimento, la sua storia e autonomia. È stato fra i fondatori del Mar, ha servito a lungo come sindaco la propria comunità di Sarsina e come parlamentare il territorio romagnolo. È stato anche presidente della Camera di Commercio di Forlì. Mi ha stimolato e incoraggiato nell’impegno politico e il confronto con lui è sempre stato utile e costruttivo. Ne ricordo l’elegante portamento, i discorsi e gli interventi vigorosi, la sana passione civile, culturale e politica, sempre fedele ai principi cristiani che professava. E anche il suo amore per il mare, specialmente di Cesenatico, dove lo incontravo in estate. Il suo esempio è importante per recuperare oggi il senso dell’impegno civile e politico, della rappresentanza e della voglia di costruire, come ha fatto lui fino all’ultimo, in un tempo in cui tutto sembra distante, virtuale e c’è chi opera solo per distruggere e urlare. La politica popolare e moderata che 
il sen. Cappelli ha sviluppato nel suo longevo percorso indica una via su cui proseguire ancora oggi».
 
Forlì, 15/10/2015

Rondoni-Cappelli-web

 

 

****

Comunicato stampa n. 542

RONDONI: «DON PAZZI, UOMO DI CARITA’ DAL CUORE GRANDE E OSPITALE»

«Ricordo un uomo di carità, dal cuore grande, ospitale e accogliente, che ha aiutato tante persone in difficoltà» afferma Alessandro Rondoni apprendendo la notizia della morte di don Luigi Pazzi, parroco di Bertinoro e fondatore della Casa della Carità. L’esponente politico e giornalista forlivese continua: «Andare in quella casa significa incontrare una grande famiglia dove tutti possono avere un posto. Nel 2009, in occasione del 90° di fondazione de “il Momento” di cui ero direttore, ho portato centocinquanta giornalisti provenienti da tutta Italia a incontrare don Pazzi, gli ospiti della Casa della Carità e la testimonianza di Patrizia Donati, inferma che comunica solo con il battito delle palpebre. Ne rimasero profondamente colpiti e scrissero poi sui loro giornali. Dal colle di Bertinoro, segno dell’ospitalità e balcone della Romagna, l’opera di don Pazzi è stata per tutti un grande richiamo a guardare e accogliere gli uomini in ogni condizione. E ci ricorda che pure la politica deve tornare ad essere un servizio ed una forma di carità».

 

Forlì, 7/10/2015

****

Comunicato stampa n. 541 bis

 RONDONI: «RICORDO MARIO VESPIGNANI, 
UOMO APPASSIONATO DELLA CULTURA ROMAGNOLA»

«Ricordo Mario Vespignani, uomo di cultura, giornalista e comunicatore appassionato delle tradizioni popolari romagnole» afferma il politico forlivese Alessandro Rondoni. «Era impegnato nella difesa dei principi civili e democratici - continua - è stato capo ufficio stampa del Comune di Forlì, promotore de La Pié e di testi per la valorizzazione della nostra terra. Ho avuto il piacere di conoscerlo, le sue poesie e zirudele sono state pubblicate anche su Il Momento quando ne ero il direttore e lo incontravo allora in redazione in piacevoli chiacchierate culturali dove lui raccontava fatti e storie con grande acume».



Forlì 6/10/2015

 

 ****

Comunicato stampa n. 541

RONDONI INCONTRA I CITTADINI AL RONDO POINT VENERDI’ 2 OTTOBRE ALLE 12



L’esponente politico forlivese risponderà alle domande, illustrerà le proposte, fra cui il questionario sulla qualità della vita e dei servizi a Forlì, e le prossime iniziative. La visita all’Expo di Milano martedì 6 ottobre
   
Alessandro Rondoni venerdì 2 ottobre alle ore 12 incontrerà i cittadini al Rondo Point, in corso della Repubblica 2 ter, angolo piazza Saffi a Forlì, per rispondere alle loro domande, illustrare le proposte politiche, le prossime iniziative e il questionario sulla qualità dei servizi e della vita a Forlì, che è in distribuzione al Rondo Point e con cui i cittadini possono esprimere un giudizio sulla città e fare proposte. Il già candidato sindaco a Forlì nel 2009 e alle elezioni europee e regionali nel 2014 presenterà, inoltre, il viaggio del Rondo Point e di ForzARomagna a Milano con la visita all’Expo che si svolgerà martedì 6 ottobre e al quale parteciperà con un gruppo di forlivesi.

Forlì, 1/10/2015

 

****

 Comunicato stampa n. 540

RONDONI: «FOGLIETTA GRANDE MAESTRO DI GIORNALISMO»

«Lo ricordo nelle sue ultime apparizioni pubbliche al Premio Sportilia a
 Santa Sofia e alla presentazione del suo libro “Mussolini  e Nenni. Amici nemici”»
    
«Ricordo Luciano Foglietta come grande maestro di giornalismo attento al territorio e acuto scrittore di fatti e personaggi storici» afferma Alessandro Rondoni, giornalista ed esponente politico forlivese. «L'ho salutato recentemente - continua - alle sue ultime apparizioni pubbliche, presente sempre attivo e arguto, al Premio Sportilia a Santa Sofia e a Palazzo Albicini al Rotary Club per la presentazione del suo ultimo libro scritto con Alberto Mazzuca “Mussolini e Nenni. Amici nemici”. Quella sera mi disse che lì è narrata anche la storia dell'edicola Damerini, in piazza Saffi, oggi Rondo Point».

Forlì, 17/9/2015

 

****

Comunicato stampa n. 539

RONDONI: «SODDISFAZIONE PER IL FORLI’ CALCIO E PER UNO SPORT PIU’ PULITO»

A seguito della notizia della riammissione del Forlì Calcio al campionato di Lega Pro, Alessandro Rondoni, già candidato sindaco a Forlì nel 2009 e alle elezioni europee e regionali nel 2014, afferma: «Alé Furlè non solo per il ritorno in Lega Pro, ma anche per un calcio sano, pulito, che sia di esempio per i giovani e che combatte contro il marcio che combina e trucca le partite e svilisce lo sport». E continua: «In attesa delle conferme ufficiali e dei percorsi processuali, è il momento di sostenere il Forlì Calcio e tutto lo sport forlivese con il tifo, gli abbonamenti e forme di investimento sia pubblico sia privato».

Forlì, 20/8/2015

F 

****

Comunicato stampa n. 538

RONDONI SEGUIRA’ GLI INCONTRI POLITICI AL MEETING

Fra gli appuntamenti quello sul futuro economico del Paese e l’Intergruppo Parlamentare per la Sussidiarietà

Alessandro Rondoni, già candidato sindaco a Forlì nel 2009 e alle elezioni europee e regionali nel 2014,  seguirà incontri politici con ministri, deputati ed altre personalità istituzionali alla XXXVI edizione del Meeting di Rimini, dal titolo “Di che è mancanza questa mancanza, cuore, che a un tratto ne sei pieno?”, che si svolgerà da giovedì 20 a mercoledì 26 agosto. Fra gli appuntamenti ai quali parteciperà, quello sul futuro economico del Paese, dal titolo “Italia: una ripresa possibile”, l’Intergruppo Parlamentare per la Sussidiarietà e “Ripartire dal Mediterraneo: un orizzonte per la politica internazionale”. «Sarò presente  - afferma Rondoni, che seguirà anche iniziative culturali e incontri su temi di attualità - per seguire il confronto politico e l’importante dibattito sulle riforme di cui il nostro Paese ha bisogno in questo momento di crisi».

Forlì, 19/8/2015

 

****


Comunicato stampa n. 537

RONDONI INCONTRA I CITTADINI AL RONDO POINT VENERDI’ 31 LUGLIO ALLE 11.30

Interverrà sulla politica nazionale e locale, su Aeroporto, trasparenza nella P.A., bagolari di Corso Diaz, 
Viale della Libertà. L’appello per la valorizzazione in estate dell’Appennino e dei prodotti tipici del territorio
 
Alessandro Rondoni venerdì 31 luglio alle ore 11.30 incontrerà i cittadini al Rondo Point (corso della Repubblica, angolo piazza Saffi) per rispondere alle domande e illustrare le prossime iniziative. Interverrà sulla politica nazionale e locale, in particolare su Aeroporto, trasparenza nella gestione finanziaria e nelle spese legali della Pubblica Amministrazione, taglio dei bagolari di Corso Diaz, riqualificazione di Viale della Libertà. «Sono argomenti - afferma il già candidato sindaco a Forlì nel 2009 e poi capogruppo - sui quali mi sono interessato negli anni scorsi in Consiglio Comunale chiedendo, con interrogazioni, procedure sempre più trasparenti e puntuali rendicontazioni al Sindaco e alla Giunta sulle scelte dell’Amministrazione. Credo sia giusto portarli ancora all’attenzione del Consiglio Comunale e coinvolgere i cittadini, informandoli su come vengono destinate le risorse pubbliche e facendoli partecipare, attraverso le rappresentanze democratiche, alla definizione degli obiettivi e alle scelte». Inoltre Rondoni, che sabato 1 agosto sarà a Premilcuore per una manifestazione patrocinata dal Comune montano, al Rondo Point rivolgerà l’appello per la valorizzazione dell’Appennino e dei prodotti locali. «L’estate - afferma - è sempre una buona occasione per visitare il territorio delle nostre vallate, ricco di bellezze naturali e faunistiche, tradizioni culturali e artistiche, e anche per promuovere i prodotti tipici che danno valore al lavoro dei coltivatori e alle tradizioni della Romagna». Rondoni, che il 29 luglio ha seguito in centro le iniziative dei “mercoledì nel cuore”, presenterà anche il questionario sulla qualità della vita e dei servizi a Forlì che è in distribuzione in questi mesi al Rondo Point e con cui si possono esprimere giudizi sulla città e formulare proposte e osservazioni.

Forlì, 30/7/2015

****

Comunicato stampa n. 536

«DON DARIO CIANI NELLE PERIFERIE DELL’EMARGINAZIONE HA AIUTATO  
LE PERSONE CON DISAGIO A RECUPERARE LA LORO DIGNITA’ DI UOMINI»

Alessandro Rondoni, candidato sindaco a Forlì nel 2009, esprime cordoglio per la morte del sacerdote fondatore della Comunità di Sadurano, già cappellano del carcere e promotore di cooperazione sociale

 Alessandro Rondoni esprime cordoglio per la morte di don Dario Ciani, già cappellano del carcere di Forlì e fondatore della Comunità di Sadurano. L’esponente politico, che è stato candidato sindaco a Forlì nel 2009 e recentemente alle elezioni europee e regionali, afferma: «Ricordo l’impegno di promozione umana e sociale che don Dario ha profuso in questi anni nelle periferie dell’emarginazione aiutando le persone con disagio a recuperare la loro dignità di uomini e costruendo opere di accoglienza. Dimostrando così la dimensione sociale del suo messaggio cristiano». E aggiunge: «Ho conosciuto e apprezzato l’opera di don Dario quando ero direttore de “il Momento” e le sue intuizioni profetiche ed utopiche sulla solidarietà e l’accoglienza sono uno stimolo sempre più attuale per costruire la società di oggi». Rondoni parteciperà martedì 28 luglio ai funerali presieduti in Duomo dal vescovo mons. Lino Pizzi.

Forlì, 26/7/2015

don-dario

 

****

Comunicato stampa n. 535


«IL CARDINALE BIFFI, GRANDE UOMO DI FEDE E CULTURA, CON I SUOI GIUDIZI 
HA ANCHE AIUTATO A RIPENSARE IL MODELLO DELLA NOSTRA SOCIETA’»
Il cordoglio di Alessandro Rondoni, già candidato presidente alle ultime elezioni regionali
con “Emilia-Romagna Popolare”, per la morte dell’arcivescovo emerito di Bologna

  Alessandro Rondoni, già candidato nel 2014 alle elezioni europee nel collegio Nord-Est e alla presidenza dell’Emilia-Romagna alle elezioni regionali dello scorso novembre con “Emilia-Romagna Popolare”, esprime cordoglio per la morte del cardinale Giacomo Biffi, arcivescovo emerito di Bologna. «È stato un grande uomo di fede e cultura - afferma Rondoni - e con i suoi giudizi ha anche aiutato a ripensare il modello della nostra società. I suoi interventi e i suoi scritti, schietti e puntuali, continueranno a offrirci spunti per una rinnovata presenza sociale e politica pure nella nostra regione, in questo tempo di crisi antropologica, culturale ed economica. Rondoni parteciperà ai funerali che si svolgeranno nella Cattedrale di Bologna martedì 14 luglio alle ore 10.30.

 Forlì, 11/7/2015

****

Comunicato stampa n. 534


LA NOVITA’ DELLA TAGLIATELLA AL CACAO PRESENTATA AL RONDO POINT 
DALLA SFOGLINA MARIA SENZANI DURANTE LA “FESTA INSIEME” 

La valorizzazione dei prodotti tipici del territorio e il dialetto di Tugnaz. Ospiti dalla Cina, dalla Costa d’Avorio
 e dall’Austria. Rondoni ha presentato al Sindaco il questionario su Forlì e dialogato coi cittadini

    La novità della tagliatella al cacao è stata presentata al Rondo Point dalla sfoglina Maria Senzani durante la settima edizione della “Festa insieme” svoltasi ieri sera 1 luglio. La pluripremiata campionessa di mattarello ha dato una dimostrazione della preparazione della pasta fresca fatta a mano secondo la ricetta della tradizione e con qualche innovazione di ingredienti, mentre Giovanni Fasciano, dell’associazione “Pari diritti”, ha preparato la pizza. In omaggio alla Romagna sono poi intervenuti l’attore dialettale “Tugnaz”, il “Duo solare in melodia e musica”, voce e fisarmonica Giovanni Tedaldi e Gianfranco Sozzi, con brani del repertorio popolare fra cui “Romagna mia”. Durante la serata, in omaggio all’Expo e al cibo made in Italy, sono stati valorizzati prodotti tipici offerti da aziende locali, fra cui la pesca nettarina, verdura, il pesce azzurro della riviera e i vini Sangiovese e Albana. Nello spazio culturale sono intervenuti insieme ad Alessandro Rondoni l’editore Renzo Casadei, il giornalista Pietro Caruso, l’operatrice culturale Giovanna Prati e sono stati presentati i libri “Dixie” (ed. il Cerchio) e “Credere in un sogno” (Risguardi Edizioni) con gli autori Paolo Poponessi e Giorgio Mambelli. Interventi pure di ospiti dalla Cina, dalla Costa d’Avorio e dall’Austria fra cui don Louis Amako e don Matteo Dall’Agata che, insieme ad alcuni membri del coro ivoriano, hanno eseguito un canto in francese ricordando le vittime dei recenti attentati terroristici e i cristiani perseguitati nel mondo. Rondoni ha dialogato con i cittadini e con la consigliera comunale Paola Casara sulla politica locale e nazionale e ha presentato al sindaco, Davide Drei, e all’assessore all’urbanistica, Francesca Gardini, il questionario sulla qualità della vita e dei servizi a Forlì, diffuso in questi mesi al Rondo Point, sottolineando l’importanza che in Consiglio Comunale siano discussi argomenti come il futuro dell’Aeroporto, la riqualificazione di Viale della Libertà, il taglio dei bagolari in Corso Diaz. Nella conclusione della serata vi è stato anche l’appello per lo sport cittadino e per il sostegno alle squadre delle varie discipline al via nei prossimi campionati. Con Rondoni sono intervenuti Raffaele Montalti, presidente dello Juventus club Forlì, e Calderoni senior, padre di Alberto, bandiera del calcio biancorosso. Illustrati, al termine, i progetti di solidarietà di Avsi sostenuti dal Rondo Point con l’adozione a distanza di un bambino brasiliano.

 Forlì, 2/7/2015

pubblico-saba

****

Comunicato stampa n. 533

“FESTA INSIEME” AL RONDO POINT MERCOLEDI’ 1 LUGLIO ALLE ORE 21

INTERVERRA’ ANCHE RONDONI SULLA POLITICA LOCALE E NAZIONALE
Musica, solidarietà, cultura e tradizione romagnola con il dialetto di Tugnaz, la valorizzazione dei prodotti
 tipici locali con la sfoglina Maria,
la presentazione di libri insieme agli autori Poponessi e Mambelli

Mercoledì 1 luglio alle ore 21 si svolgerà la “Festa insieme” al Rondo Point, in Corso della Repubblica 
2 ter a Forlì, organizzata dall’Associazione Rondo Point e dal periodico ForzARomagna nel segno della solidarietà, della cultura, dello sport e della tradizione romagnola. Interverranno, fra gli altri, l’attore dialettale Aurelio Angelucci, il popolare “Tugnaz”, la sfoglina Maria Senzani, con la dimostrazione della preparazione della pasta fresca fatta con il mattarello, e Giovanni Fasciano, dell’associazione “Pari diritti” , con quella della pizza. In omaggio alla tradizione romagnola saranno inoltre valorizzati prodotti tipici locali ed eseguiti canti e musiche del repertorio popolare. Verranno poi presentati, insieme agli autori, i libri “Dixie” (ed. il Cerchio) di Paolo Poponessi e “Credere in un sogno” (Risguardi Edizioni) di Giorgio Mambelli. L’iniziativa è stata organizzata anche per sostenere i progetti di solidarietà del Rondo Point, fra cui l’adozione a distanza di un bambino brasiliano in collaborazione con Avsi. Durante la serata vi sarà pure l’intervento politico di Alessandro Rondoni che, insieme a consiglieri comunali ed esponenti politici, incontrerà i cittadini. «Andiamo avanti, anche in questo tempo di crisi - afferma - nel fare politica dal basso, in mezzo alla gente, ascoltando e dialogando con le persone. Il Rondo Point è il luogo di una presenza che continua». Rondoni, che interverrà sull’attualità politica locale e nazionale, aggiunge: «Siamo contro ogni forma di violenza, ricorderemo le vittime delle stragi terroristiche dei giorni scorsi, il nostro impegno per un’Europa più unita e solidale e per sostenere la famiglia. E accoglieremo l’invito espresso da Papa Francesco nella sua enciclica ad essere tutti più responsabili verso l’ambiente». Sulla situazione locale, Rondoni, che presenterà il questionario distribuito in questi mesi al Rondo Point sulla qualità dei servizi e della vita a Forlì, sottolinea: «È necessario confrontarsi con i cittadini sulle questioni più dibattute in questo periodo come quella dei bagolari di Corso Diaz. Da tempo mi impegno con mozioni e interventi anche per il futuro dell’Aeroporto, la riqualificazione di Viale della Libertà,  che è da anni dimenticato e richiede interventi di manutenzione, e della zona stazione che necessita di misure di sicurezza. Chiediamo che il Consiglio Comunale venga convocato su questi argomenti». Nella serata saranno inoltre presentati l’ultimo numero di ForzARomagna e il programma del viaggio con la visita all’Expo e a Milano organizzato dal Rondo Point in ottobre.
 
Forlì, 30/6/2015

1-luglio-web

****

Comunicato stampa n. 532

RONDONI INCONTRA I CITTADINI AL RONDO POINT GIOVEDI’ 18 GIUGNO ALLE ORE 18
Confronto sulla politica locale e nazionale e presentazione delle iniziative estive

Alessandro Rondoni incontrerà i cittadini giovedì 18 giugno alle ore 18 al Rondo Point, in corso della Repubblica 2 ter, angolo piazza Saffi a Forlì, per rispondere alle domande e confrontarsi sulla politica locale e nazionale. Durante l’incontro saranno anche presentate le prossime iniziative estive al Rondo Point.

Forlì, 17/6/2015

****

Comunicato stampa n. 531

RONDONI HA INCONTRATO I CITTADINI SULLA POLITICA LOCALE E NAZIONALE: «CONTINUIAMO A COSTRUIRE IN MEZZO ALLA GENTE PER RIDARE FIDUCIA»
Al “Botta e risposta” in Corso Diaz 86 sono stati anche presentati il questionario su Forlì, 
il nuovo numero di “ForzARomagna” e le iniziative estive del Rondo Point

Alessandro Rondoni ha incontrato i cittadini al “Botta e risposta” l’8 giugno in Corso Diaz 86 per dialogare sulla politica locale e nazionale e raccontare un anno di impegno con le candidature nel 2014 alle europee e alle regionali e gli incontri sul territorio per dare slancio a quell’azione di rinnovamento iniziata già nel 2009 a Forlì con la candidatura a sindaco e lo storico ballottaggio. «Continuiamo ad impegnarci - ha detto - partendo da un movimento politico popolare di persone che collaborano per il  cambiamento». Durante l’incontro è stato presentato il questionario su Forlì, relativo alla qualità della vita e dei servizi, con cui i cittadini potranno dare un voto alla città e fare proposte. Sarà diffuso e raccolto al Rondo Point, punto di incontro, ascolto e informazione in Corso della Repubblica 2 ter, fino al prossimo autunno e i risultati saranno poi illustrati durante un’iniziativa pubblica. Al “Botta e risposta”, dove sono stati presentati anche il nuovo numero di ForzARomagna, le iniziative estive al Rondo Point, fra cui la “Festa insieme” mercoledì 1 luglio alle ore 21, e le adozioni a distanza in collaborazione con Avsi, erano presenti sessanta persone tra cui consiglieri comunali in vari Comuni, ex consiglieri e rappresentanti politici.

 Forlì, 9/6/2015

 

botta-e-risposta-8-giugno-2015

****

Comunicato stampa n. 530


INCONTRO PUBBLICO “BOTTA E RISPOSTA CON ALESSANDRO RONDONI” 
LUNEDI’ 8 GIUGNO ALLE ORE 20.30 IN CORSO DIAZ 86
Dialogo e confronto con i cittadini sulla politica locale e nazionale. Il racconto dell’impegno di un anno 
di servizio politico fra elezioni europee, regionali e appuntamenti sul territorio per un nuovo soggetto popolare
 
 Alessandro Rondoni, già candidato sindaco a Forlì nel 2009, lunedì 8 giugno alle ore 20.30 in Corso Diaz 86 a Forlì incontrerà i cittadini e risponderà alle domande sull’attualità politica locale e nazionale, anche alla luce del risultato delle elezioni svoltesi il 31 maggio, sulla situazione di Forlì e le prospettive future per la città un anno dopo le amministrative. Rondoni, inoltre, illustrerà l’impegno politico dell’ultimo anno, con le sue candidature nel 2014 alle europee e alla presidenza dell’Emilia-Romagna alle elezioni regionali, e gli incontri sul territorio per la costruzione di un nuovo soggetto popolare. «Le elezioni del 31 maggio - afferma - con il vistoso ed ulteriore calo dell’affluenza alle urne hanno confermato la crisi dei partiti e della politica e la sfiducia della gente verso le istituzioni. Noi, però, in questi tempi difficili, anche fra le macerie e con la gente arrabbiata, continuiamo a metterci la faccia per ricostruire e ridare fiducia e speranza alle persone». Durante l’incontro saranno annunciate le prossime iniziative estive al Rondo Point.

 Forlì, 5/6/2015

volantino-8-giugno

 

****

Comunicato stampa n. 529
 
RONDO POINT “IN ROSA” PER IL GIRO D’ITALIA: IN FESTA CON PALLONCINI, IMMAGINI, BANDIERE E STRISCIONI 
PER IL PASSAGGIO DELLA CAROVANA DEI CORRIDORI
Rondoni incontrerà i cittadini martedì 19 alle 12 e nel pomeriggio seguirà l’arrivo della tappa in viale Vittorio Veneto 
La sera sarà con gli arbitri al Grand Hotel Forlì insieme a Nicola Rizzoli che ha diretto la finale dei Mondiali 2014
 
 Il Rondo Point è in festa e allestito in rosa con palloncini, immagini, bandiere e striscioni per l’arrivo del Giro d’Italia martedì 19 maggio a Forlì. Infatti la carovana dei corridori passerà dal centro, anche davanti alla storica edicola, la più antica di Forlì oggi punto di incontro, ascolto e informazione, durante l’ultimo chilometro della decima tappa che parte da Civitanova Marche e si conclude nella nostra città. 
Alessandro Rondoni incontrerà i cittadini martedì alle ore 12 al Rondo Point e afferma: «Continuo a dialogare con la gente e domani siamo in festa con lo sport, anche per tifare per i corridori che esaltano quella sana e popolare passione della nostra terra per le due ruote e per ricordare le gesta vittoriose di campioni romagnoli come Pambianco, Baldini, Pantani. E pure per sottolineare l’importanza di avere un giornalista forlivese e commentatore sportivo appassionato come Marino Bartoletti». Rondoni nel pomeriggio seguirà l’arrivo del Giro in viale Vittorio Veneto e mercoledì 20 sarà in piazza Saffi per la partenza dell’undicesima tappa Forlì-Imola e per incontrare ancora i cittadini al Rondo Point alle ore 12. Rondoni, che seguirà altri avvenimenti del calendario sportivo di questi giorni, sarà martedì 19 alle ore 20 alla Festa sezionale degli arbitri di calcio al Grand Hotel Forlì, con la partecipazione dell’arbitro Nicola Rizzoli insieme agli assistenti Andrea Stefani e Renato Faverani, la terna internazionale tutta italiana che ha diretto la Finale mondiale Argentina-Germania nel 2014.
 
Forlì, 18/5/2015

****

Comunicato stampa n. 528

RONDONI INCONTRA I CITTADINI AL RONDO POINT VENERDÌ 10 APRILE ALLE 12
Raccolte un centinaio di firme per l’intitolazione di un padiglione del Campus Universitario 
a Gilberto Giorgetti, storico forlivese scomparso nel 2012, e consegnate alla moglie Giuseppina Masotti

Alessandro Rondoni venerdì 10 aprile alle ore 12 incontrerà i cittadini al Rondo Point, in corso della Repubblica 2 ter, angolo piazza Saffi a Forlì, per rispondere alle loro domande, illustrare le proposte politiche e le prossime iniziative. Recentemente il Rondo Point ha anche contribuito alla raccolta firme per la petizione con cui si chiede al Comune l’intitolazione di un padiglione del Campus Universitario a Gilberto Giorgetti, storico e studioso forlivese scomparso nel 2012. Nei giorni scorsi Rondoni ha incontrato al Rondo Point Giuseppina Masotti, moglie di Giorgetti, e le ha consegnato un centinaio di  firme. «È un contributo - afferma - per ricordare la testimonianza culturale e politica di un caro amico che ha dato tanto alla nostra città». Rondoni, con un’interrogazione in Consiglio Comunale nel 2013, propose, come già aveva fatto il giornalista Marino Bartoletti, l’istituzione di un “Premio Gilberto Giorgetti” per «ricordare e trasmettere alle future generazioni i valori culturali per cui ha vissuto e che ha divulgato con la sua ampia attività».

Forlì, 9/4/2015

consegna-firme-al-rondo-point

****

Comunicato stampa n. 527

RONDONI INCONTRA I CITTADINI AL RONDO POINT VENERDÌ 20 MARZO ALLE 18.30 
PER UN CONFRONTO SULLA POLITICA LOCALE E NAZIONALE
La condanna del terrorismo dopo l’attentato di Tunisi e il cordoglio per le vittime, la lotta alla corruzione in Italia,
 l’aumento dell’addizionale Irpef e il rilancio del centro storico a Forlì saranno alcuni degli argomenti trattati
Alessandro Rondoni interverrà venerdì 20 marzo alle 18.30 al Rondo Point, in corso della Repubblica 2 ter, angolo piazza Saffi a Forlì, e risponderà alle domande in un confronto pubblico con i cittadini sulla politica locale e nazionale. La condanna del terrorismo dopo l’attentato di Tunisi e il cordoglio per le vittime, la lotta alla corruzione in Italia, le riforme e il Jobs Act, l’aumento dell’addizionale Irpef, la sicurezza e il rilancio del centro storico a Forlì saranno alcuni degli argomenti trattati. Il politico forlivese, già candidato sindaco nel 2009 e alle elezioni Europee e Regionali del 2014, afferma: «È importante continuare a coltivare il seme piantato alle scorse elezioni e servire la gente con una politica trasparente, responsabile e vicina al territorio». Durante l’incontro saranno inoltre presentate le iniziative dell’Associazione Rondo Point.



Forlì, 19/3/2015

 

****

Comunicato stampa n. 526

 CINQUANTA PERSONE ALLA VISITA GUIDATA ORGANIZZATA 
DAL RONDO POINT E DA FORZAROMAGNA ALLA MOSTRA SU BOLDINI
Ha partecipato anche Rondoni che domenica seguirà al S. Luigi lo spettacolo per l’emergenza profughi in Iraq e Siria
Il cordoglio per la morte di Linda Scattolin, l’atleta forlivese deceduta a seguito di un incidente in Sudafrica

Cinquanta persone in due gruppi hanno partecipato alla visita guidata organizzata dall’Associazione Rondo Point e da ForzARomagna alla mostra “Boldini. Lo spettacolo della modernità” ai Musei San Domenico giovedì 12 marzo. Fra i partecipanti anche Alessandro Rondoni, che nei giorni scorsi ha incontrato i cittadini al Rondo Point, punto di incontro, ascolto e informazione in corso della Repubblica 2 ter, dove è ancora in corso la raccolta firme per l’intitolazione di un padiglione del Campus universitario allo storico forlivese Gilberto Giorgetti. Rondoni, inoltre, domenica 15 marzo seguirà al teatro San Luigi “Un incontro spettacolare” con musiche, danze e letture, spettacolo su iniziativa di studenti e professori delle scuole superiori forlivesi a sostegno dei progetti Avsi per l’emergenza dei profughi di Iraq e Siria. Rondoni, poi, ha espresso cordoglio per la morte di Linda Scattolin, l’atleta forlivese deceduta stanotte a seguito di un incidente stradale avvenuto nei giorni scorsi in Sudafrica durante un allenamento.

 

Forlì, 13/3/2015

visita-del-Rondo-Point-alla-mostra-Boldini-copia

****

Comunicato stampa n. 525

RONDONI INCONTRA I CITTADINI AL RONDO POINT SABATO 28 FEBBRAIO ALLE 17.30
Il politico forlivese sarà domani a Bologna al coordinamento regionale Ncd e ha partecipato a incontri a Ferrara e Cesena: «La mostra su Boldini al San Domenico ed Eataly in piazza due buoni motivi per gustare bellezza a Forlì»
Alessandro Rondoni sabato 28 febbraio alle ore 17.30 incontrerà i cittadini al Rondo Point, in corso della Repubblica 2 ter, angolo piazza Saffi a Forlì, per rispondere alle loro domande, illustrare le proposte politiche e le prossime iniziative. Sabato mattina, inoltre, parteciperà a Bologna al coordinamento regionale Ncd insieme ai responsabili dell’Emilia-Romagna e a quelli provinciali. Recentemente è intervenuto a incontri politici a Ferrara e a Cesena per ringraziare amici e sostenitori della sua candidatura alle recenti elezioni regionali.  Dopo l’inaugurazione della mostra su Boldini al San Domenico e di Eataly in piazza Saffi, su facebook ha scritto: «Sono due buoni motivi per venire a gustare bellezza a Forlì». Rondoni, che è giornalista professionista, è anche intervenuto il 25 a Ravenna al convegno organizzato dall’Ucid “Libertà di espressione e libertà religiosa”.
 
Forlì, 27/2/2015

 

****

 Comunicato stampa n. 524

RONDONI SULLA CRISI DELL’EDITORIA: «SALVAGUARDARE IL PLURALISMO 
INFORMATIVO, IL VALORE DELLE VOCI DEL TERRITORIO E DELLE TESTATE LOCALI»


Gli interventi a convegni e la campagna “Meno giornali, meno liberi” per misure urgenti del Governo.
Proposte per una legge regionale. Cordoglio per la morte dell’arcivescovo di Modena, mons. Lanfranchi
Alessandro Rondoni è recentemente intervenuto a convegni giornalistici regionali a Bologna, Ferrara, Forlì e Cesena sull’attuale crisi dell’editoria, in particolare quella che sta colpendo le testate locali e la cosiddetta editoria minore. «La crisi economica - ha affermato - il calo delle vendite e delle pubblicità, il drastico taglio dei contributi pubblici, previsto nell’ambito di una pur necessaria riforma del settore, rappresentano oggi una pericolosa minaccia al pluralismo informativo, alla libertà e al diritto di informazione, alla Costituzione e alla nostra democrazia partecipata». E ha precisato: «I giornali e tutti gli organi di informazione locali sono una risorsa perché danno voce alla gente, al territorio e raccontano i fatti delle nostre comunità valorizzandone la storia, l’identità e il patrimonio di tradizioni. Salvaguardare le diverse “voci” del territorio significa anche non rassegnarsi ad un pensiero unico e omologante». Rondoni, giornalista professionista e collaboratore di varie testate locali e nazionali, direttore per vent’anni del settimanale forlivese “il Momento” e candidato presidente alle recenti elezioni Regionali in Emilia-Romagna, ha aggiunto: «Da tempo chiedo più attenzione per l’editoria locale e nel corso di incontri politici, anche in campagna elettorale, ho segnalato la necessità della riforma,  di norme urgenti del Governo e di un emendamento che riveda i criteri di erogazione dei contributi pubblici e i tagli indiscriminati delle risorse, affinché siano valorizzati il patrimonio giornalistico, la formazione, la deontologia, i posti di lavoro e l’innovazione tecnologica delle testate locali». Rondoni ha aderito alla campagna nazionale “Meno giornali, meno liberi” e ha proposto un’azione politica condivisa per «una legge regionale anche in Emilia-Romagna che tuteli la stampa e i media per l’informazione e la promozione del territorio». Ha inoltre espresso cordoglio per la morte di mons. Antonio Lanfranchi, arcivescovo della diocesi di Modena-Nonantola e già vescovo di Cesena-Sarsina.

 Forlì, 19/2/2015

meno-giornali-meno-liberi-logo 

****

Comunicato stampa n. 523

RONDONI INCONTRA I CITTADINI AL RONDO POINT SABATO 14 FEBBRAIO ALLE 17.30
Alle 19 seguirà l’ “Aperitivo di San Valentino” e continuerà anche la raccolta firme per l’intitolazione 
di un padiglione del Campus a Gilberto Giorgetti. La partecipazione alla Giornata di Raccolta del Farmaco

Alessandro Rondoni sabato 14 febbraio alle ore 17.30 incontrerà i cittadini al Rondo Point, in corso della Repubblica 2 ter, angolo piazza Saffi a Forlì, per rispondere alle loro domande, illustrare le proposte politiche e le prossime iniziative. Alle ore 19 seguirà un momento conviviale con l’ “Aperitivo di San Valentino”. Sarà inoltre presentata la petizione, con la raccolta firme, per l’intitolazione di un padiglione del Campus universitario a Gilberto Giorgetti, storico e studioso forlivese scomparso nel 2012. Al Rondo Point sarà possibile firmare anche nei prossimi giorni. Il 14 Rondoni parteciperà pure alla Giornata di Raccolta del Farmaco acquistando medicinali per i poveri in una delle farmacie cittadine aderenti all’iniziativa.  

Forlì, 13/2/2015

****

volantino-iniziativa-web**

****

«Domani parteciperò alla Festa della Madonna del Fuoco, patrona di Forlì. Stasera accenderò i lumini sui davanzali delle finestre e domani alle 11 sarò alla messa in Duomo celebrata dal Vescovo, poi al tradizionale giro fra le bancarelle in centro. Si tratta della più importante ricorrenza forlivese e ho più volte chiesto, anche negli anni scorsi in Consiglio Comunale, che il Comune valorizzi questa significativa festa popolare promuovendo iniziative per sottolineare la tradizione, l’identità e il patrimonio culturale e religioso della città. Anche il Rondo Point sarà aperto per la festa e incontrerò i cittadini».

Pubblicato su  https://www.facebook.com/rondonialessandro il 3/2/2015

****

Comunicato stampa n. 522

 RONDONI SULL’ELEZIONE DEL NUOVO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA: 
«MATTARELLA PERSONA SERIA E A GARANZIA DELL’UNITA’ E DEL PLURALISMO»
Il politico forlivese sul voto: «Prevalso il senso di responsabilità e delle istituzioni, senza derive, per il bene dell’Italia»
Sull’elezione di Sergio Mattarella a Presidente della Repubblica, Alessandro Rondoni, politico forlivese già candidato presidente alle recenti elezioni Regionali, afferma in una nota su facebook: «La scelta del nuovo Capo dello Stato è ricaduta su una persona seria e dall’ampio percorso politico e istituzionale, che va dalla lotta alla mafia alla presenza in Parlamento, dagli incarichi di ministro a quello di giudice della Corte Costituzionale. È stato eletto come garante dell’unità, del pluralismo e della Costituzione e l’ampio consenso ricevuto è un segno per dare forza alle istituzioni. E per svolgere, con equilibrio, le proprie funzioni in un momento in cui l’Italia è ancora in emergenza, la politica si deve rinnovare e va perseguito il cammino delle riforme». Sull’elezione avvenuta oggi al quarto scrutinio, anche con l’importante contributo dell’area popolare moderata di centrodestra, Rondoni, che ha seguito l’inizio della votazione al Rondo Point, aggiunge: «Ha prevalso il senso di responsabilità e di condivisione, e non quello della deriva, per il bene dell’Italia. Le istituzioni vengono prima delle divisioni e dei partiti. Il presidente Mattarella, visti anche la sua storia politica e il suo profilo giuridico, dovrà ora operare pure con uno sguardo aperto all’Europa, nel rispetto della tradizione culturale, sociale e religiosa dell’Italia».

Forlì, 31/1/2015

 

****

  Comunicato stampa n. 521

RONDONI INCONTRA I CITTADINI AL RONDO POINT LUNEDI’ 19 GENNAIO ALLE 12
Il cordoglio per la morte di Glauco Gardini, già direttore degli Industriali di Forlì e socio del Rotary Club
Alessandro Rondoni, lunedì 19 gennaio alle ore 12 al Rondo Point, in corso della Repubblica 2 ter, angolo piazza Saffi a Forlì, incontrerà i cittadini per rispondere alle loro domande, illustrare le proposte politiche e le prossime iniziative. Sarà anche l’occasione per riprendere alcuni giudizi che Rondoni ha postato su facebook sulle dimissioni di Napolitano e l’elezione del prossimo Presidente della Repubblica, sulle stragi a Parigi e in Nigeria. Rondoni, inoltre, esprime cordoglio per la morte di Glauco Gardini, già direttore dell’Associazione Industriali di Forlì e socio del Rotary Club, e vicinanza alla famiglia. «Ha aiutato - afferma - il mondo industriale ed economico a crescere, anche in momenti difficili di crisi aziendali. L’ho incontrato diverse volte, era una persona di principi, dava sempre il suo contributo e faceva sentire la sua voce in modo autorevole».

Forlì, 16/1/2015

 

****

Comunicato stampa n. 520 

CORDOGLIO DI RONDONI PER LA MORTE DI MARCO PARENTI
Il già candidato presidente alle recenti elezioni Regionali ricorda il politico
 di Castel San Pietro Terme:
«Un uomo appassionato, cordiale e in mezzo alla gente»

Alessandro Rondoni, già candidato presidente alle recenti elezioni Regionali con la lista “Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe, esprime cordoglio per l’improvvisa scomparsa di Marco Parenti di Castel San Pietro Terme, esponente politico dell’Udc di cui è stato anche responsabile. «Un altro caro amico se ne va. La notizia della morte di Marco - scrive sulla sua pagina facebook - colpisce e addolora». Rondoni, ricordando le elezioni Regionali dello scorso novembre, dove Parenti era fra i candidati consiglieri della sua lista, afferma: «Mi ha commosso oggi rivedere il suo messaggio elettorale con sopra il mio motto “Meno all’ente, più alla gente” che gli era piaciuto. Lo incontrai a Imola insieme ad altri amici in campagna elettorale. Mi incoraggiò, ricordammo anche i venti mesi che feci da giovane in Comune a Castel San Pietro Terme, e ci diede forza per la creazione di un nuovo soggetto politico». E aggiunge: «Onore al suo impegno politico, alla sua passione, alla sua cordiale amicizia e alla sua testimonianza umana. La mia vicinanza va alla famiglia, agli amici di Castel San Pietro Terme e dell’Udc e a quanti lo hanno conosciuto e apprezzato». Rondoni parteciperà al funerale che si svolgerà venerdì 16 gennaio alle 15.30 a Castel San Pietro Terme presso la chiesa di Santa Maria Maggiore.

Forlì, 15/1/2015

 

****

 Comunicato stampa n. 519

RONDONI SULLE DIMISSIONI DI NAPOLITANO: «RINGRAZIAMENTO PER IL LAVORO 
SVOLTO IN QUESTI ANNI DIFFICILI.  RICORDO L’INCONTRO IN CONSIGLIO COMUNALE»  
Il già candidato presidente alle Regionali afferma: «Ora ci vuole un successore capace di proseguire, nell’unità, 
il percorso delle riforme e che sia rappresentativo della tradizione culturale, sociale e religiosa dell’Italia»
Alessandro Rondoni, in merito alle dimissioni del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, avvenute nella mattinata di oggi 14 gennaio, afferma: «In questa fase nuova e delicata per l’Italia, va perseguita prima di tutto l’unità, così come ha cercato di fare, anche in momenti critici, Napolitano che va ringraziato per il lavoro svolto in questi anni difficili». Il già candidato presidente alle recenti elezioni Regionali ed Europee, continua: «Ricordo l’importante ruolo svolto da Napolitano in occasione delle celebrazioni per il 150° dell’Unità d’Italia e l’incontro avuto con lui in Consiglio Comunale a Forlì il 7 gennaio 2011, dove richiamò anche l’importanza di superare, con le riforme necessarie, il vizio del centralismo statale e definì il Comune l’istituzione più vicina alla gente, dove portare avanti un dialogo, un dibattito e un confronto nel rispetto delle diverse posizioni. Un invito che ho cercato di mettere in pratica impegnandomi con spirito di servizio negli anni del Consiglio Comunale e con la candidatura alle elezioni Regionali ed Europee, per dare credibilità alla politica e alle istituzioni democratiche». Sull’iter che dovrà portare all’elezione del nuovo Capo dello Stato, Rondoni aggiunge: «È necessario salvaguardare le istituzioni da ogni faziosità. Ci vuole ora una persona capace di proseguire, con equilibrio e decisione, il percorso delle riforme e del rinnovamento della politica, con uno sguardo aperto all’Europa, e che sia rappresentativa della tradizione culturale, sociale, religiosa del nostro Paese».

 

Forlì, 14/1/2015

Rondoni-con-Napolitano-in-Consiglio-Comunale-a-Forli

 

****

Comunicato stampa n. 518

  CORDOGLIO DI RONDONI PER LA MORTE DI MARIA CRISTINA MARRI
Il già candidato presidente alle recenti elezioni Regionali ne ricorda l’impegno politico
 e la testimonianza nella malattia
Alessandro Rondoni, già candidato presidente alle recenti elezioni Regionali con “Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe, esprime cordoglio per la morte di Maria Cristina Marri, esponente politico di rilievo, consigliera comunale a Bologna e poi regionale dell’Udc. «Ho avuto modo di conoscerla - afferma Rondoni - e di incontrarla anche alle recenti elezioni Europee e Regionali, dove non ha fatto mancare il suo sostegno, alla lista e alla mia candidatura, nonostante la malattia che già l’aveva colpita. Sia pur provata, ci ha dato coraggio e sostegno al progetto di costruzione di una nuova forza politica, mostrando così di essere una donna di valore in un momento in cui altri si sono lasciati prendere dalla confusione e dallo smarrimento. Ricordo la sua testimonianza umana ed esprimo vicinanza alla sua famiglia e agli amici».

 Forlì, 8/1/2015

 

 ****

Comunicato stampa n. 517

 RONDONI: «AUGURI PER UN 2015 RICCO DI FIDUCIA. VICINI A CHI SOFFRE PER LA CRISI»
Il già candidato alle elezioni Europee e alle recenti Regionali afferma: «In un periodo ostile 
mi sono impegnato per costruire una politica più credibile e vicina alla gente»
Alessandro Rondoni, già candidato nel 2014 alle elezioni Europee e alle recenti Regionali, afferma: «Auguro a tutti un 2015 ricco di fiducia, motivazioni, soddisfazioni, impegno e speranza». E aggiunge: «L’auspicio è quello di una politica più vicina ai bisogni della gente e a chi soffre la crisi». Ripensando ai passi compiuti e agli impegni svolti, osserva: «Quello trascorso è stato un anno particolarmente intenso. Nel momento più buio della crisi economica e della sfiducia nella politica ci ho messo la faccia, l’impegno e la voglia di costruire con orgoglio e soddisfazione. In un anno bello tosto ho concluso e rendicontato i cinque anni di mandato come capogruppo in Consiglio Comunale a Forlì, partecipato alle elezioni Europee, con diecimila voti nel collegio Nord-Est, alle recenti Regionali in Emilia-Romagna come candidato presidente, con 33.437 voti, e contribuito anche alla fondazione di un nuovo soggetto politico». Rondoni, che al Rondo Point in piazza Saffi a Forlì ha incontrato amici, collaboratori, cittadini e ha fatto gli auguri di buone feste e buon anno, continua: «Al di là delle analisi e delle facili strumentalizzazioni e lamentazioni, restano i passi compiuti con la fatica, il sudore, l’impegno, le risorse e i chilometri spesi per una giusta causa, quella di costruire un presente e un futuro migliori per la propria comunità, per l’Europa, per la regione, per la stessa democrazia. E per ridare credibilità alla politica ed essere più vicini alla gente».
 
Forlì, 30/12/2014

rondontale-web

 

****

Comunicato stampa n. 516

“RONDONATALE” MERCOLEDI’ 24 DICEMBRE ALLE ORE 17.30

BRINDISI E SCAMBIO DI AUGURI AL RONDO POINT

Interverranno Alessandro Rondoni, che incontrerà i cittadini, e “Tugnaz” in versione Babbo Natale
Mercoledì 24 dicembre alle ore 17.30 al Rondo Point, in corso della Repubblica 2 ter a Forlì, vi sarà un momento conviviale con brindisi e scambio di auguri insieme ad Alessandro Rondoni, già candidato presidente alle Regionali, che incontrerà i cittadini e, nell’occasione, festeggerà anche il suo compleanno. Sarà presente pure Aurelio Angelucci, il popolare “Tugnaz” del Cinecircolo del Gallo, nei panni di Babbo Natale. Per le festività il Rondo Point è in versione natalizia con l’Albero di Natale offerto dal vivaio “Verde Impresa” di Meldola, le luminarie allestite dalla ditta “Carpe Diem” di Forlimpopoli e il Presepe offerto dall’Associazione Italiana Amici del Presepio, sezione “Roberto Vallicelli” di Forlì.

  Forlì, 23/12/2014

****

Comunicato stampa n. 514

RONDONI: «NON È CON LA PROTESTA, L’INTIMIDAZIONE E LA VIOLENZA CHE SI RISOLVONO 
I PROBLEMI. NOI SIAMO UNA FORZA CHE COSTRUISCE E NON DISTRUGGE»
Sull’atto dimostrativo compiuto durante lo sciopero generale dai collettivi a Bologna con letame
davanti alla sede di Ncd interviene il già candidato presidente di “Emilia-Romagna Popolare” alle Regionali
In merito all’atto dimostrativo compiuto questa mattina a Bologna dal corteo dei collettivi che, come si apprende dalle agenzie di stampa, durante lo sciopero generale hanno imbrattato edifici e lanciato letame contro la sede di Ncd, l’ufficio protesti della Corte d’Appello e la sede del Rotary, Alessandro Rondoni, già candidato presidente alle Regionali per “Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe, afferma: «Non è con la protesta e con atti intimidatori, né tantomeno con la violenza, che si possono risolvere i numerosi problemi che oggi ci sono. Condanniamo ogni episodio che incita e istiga alla violenza e al non rispetto degli altri». E aggiunge: «Evidentemente la nostra forza politica dà fastidio perché esprime ancora la voglia di costruire e non di distruggere, di non lasciarsi andare agli istinti e allo sfacelo. Noi continuiamo a credere e a difendere la democrazia in Italia per la libera espressione di tutti nel rispetto dei principi della nostra Costituzione». E pur condannando l’episodio, ma sdrammatizzando sulla provocazione, Rondoni conclude: «A chi ha lasciato il segno, il “ricordino” del proprio passaggio, vogliamo dire che quel letame lo useremo per concimare e coltivare il seme che abbiamo piantato con orgoglio alle ultime elezioni Regionali, migliorando il dato percentuale delle Europee di maggio. Per una forza popolare, moderata, europea, lontana da estremismi di ogni genere».

 Forlì, 12/12/2014

 

 

****

Comunicato stampa n. 512

 RONDONI INTERVIENE GIOVEDI’ 4 DICEMBRE ALL’HOTEL DELLA CITTA’ 
ALLA CONVIVIALE NATALIZIA DEL RONDO POINT


Durante la serata sarà raccontata l’attività svolta nel 2014 e la campagna elettorale per le Regionali. Verranno presentate le nuove proposte politiche e le iniziative di solidarietà
 
Alessandro Rondoni giovedì 4 dicembre alle 20.30 interviene all’Hotel della Città alla conviviale natalizia organizzata dal Comitato Con Rondoni, dal Rondo Point e dal periodico ForzARomagna (per info e prenotazioni tel. 340 4264946). «Durante la serata - afferma Rondoni - racconterò l’attività politica svolta nel 2014, dalla conclusione del mandato amministrativo in Consiglio Comunale a Forlì alla campagna elettorale per le elezioni Europee, dove sono stato candidato nel collegio Nord-Est con diecimila preferenze, a quella recente per le Regionali come candidato presidente per “Emilia-Romagna Popolare” con 33.437 voti». Rondoni, inoltre, presenterà le nuove proposte politiche e le prossime iniziative. Nel corso della conviviale verranno anche illustrati i progetti di solidarietà dell’Associazione Rondo Point, da anni impegnata con l’adozione a distanza di un bambino povero brasiliano in collaborazione con Avsi. Rondoni venerdì 5 alle ore 18 parteciperà a Bologna ad un incontro con il coordinatore nazionale Ncd, Gaetano Quagliariello, e i responsabili delle varie province per analizzare il risultato delle elezioni regionali. È inoltre intervenuto il 30 novembre ad Assisi al convegno su lavoro, famiglia e Partito Popolare Europeo insieme ai senatori Quagliariello, Mario Mauro, Carlo Giovanardi, e a Claudio Ricci, sindaco di Assisi e candidato presidente alle regionali 2015 con “Umbria Popolare”. In serata, ha poi partecipato a Parma ad un incontro con amici e candidati alle ultime elezioni regionali.

 Forlì, 3/12/2014

 

****

TUSK, UN POLACCO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO. DA SOLIDARNOSC ALL’EUROPA

Il polacco Donald Tusk è da oggi il nuovo presidente del Consiglio Europeo succedendo a Herman Van Rompuy. È un uomo che proviene dalla storia di Solidarnosc. Fu infatti fra gli aderenti di quel sindacato che proclamò lo sciopero a Danzica ai cantieri Lenin e promotore anche dell’organizzazione studentesca indipendente all’università. Dopo Jerzy Buzek, presidente dell’Europarlamento negli anni 2009-2012, è il secondo politico polacco proveniente dall’esperienza di Solidarnosc a ricoprire una carica ai vertici dell’Ue. Ciò conferma l’importanza di quel movimento culturale e politico che ha riformato la Polonia liberandola dall’oppressione del regime e che è stato fatto conoscere a Forlì e in Italia grazie anche all’opera culturale ed editoriale del forlivese Francesco Ricci. Ricordo infatti quando da giovane collaboravo nella redazione di Cseo e correggevo le bozze dei testi clandestini che provenivano dall’Est Europa. È stato proprio a quei moti che mi sono ispirato e mi ispiro nella mia azione politica portando la stessa dinamica nella campagna elettorale come candidato sindaco a Forlì alle amministrative 2009, dove raggiunsi uno storico ballottaggio, durante i cinque anni di opposizione come capogruppo in Consiglio Comunale, e nelle recenti campagne per le Europee e le Regionali. In una città e in una regione rosse, ritengo di aver dato e di continuare a dare, nel mio piccolo, un contributo per far cadere un pezzo di muro e per far crescere una sorta di Solidarnosc anche da noi. Dimostrando così che la politica nasce dal basso, in mezzo alla gente, da un’azione di popolo che crede nella libertà e nel miglioramento della società. In caso contrario si finisce nelle mani di pochi, delle élite che lottano per un posto di potere e schiacciano il popolo. La nostra è una lotta che continua per una nuova politica in Italia e in Europa. Per questo, anche alle recenti elezioni Europee e Regionali, mi sono candidato insieme ad altra gente vera e responsabile per costruire il Ppe in Italia, per piantare un seme di speranza e dare una prospettiva nuova alla politica, ai nostri territori e all’Europa.

(Pubblicato l'1/12/2014 su https://www.facebook.com/rondonialessandro)

****

Comunicato stampa n. 511

RONDONI INCONTRA I CITTADINI AL RONDO POINT VENERDI’ 28 NOVEMBRE ALLE ORE 12


Interverrà anche all’Hotel della Città il 4 dicembre alle 20.30 alla Cena di Natale 
per illustrare il lavoro svolto nella campagna elettorale per le Regionali e le nuove proposte politiche

Alessandro Rondoni venerdì 28 novembre alle ore 12 incontrerà i cittadini al Rondo Point (corso della Repubblica angolo piazza Saffi) per rispondere alle loro domande, anche sull’esito delle recenti elezioni Regionali dove è stato candidato Presidente. Rondoni, inoltre, giovedì 4 dicembre alle ore 20.30 presso l’Hotel della Città, in corso della Repubblica 117 a Forlì, interverrà alla Cena di Natale organizzata dal Comitato Con Rondoni, dall’associazione Rondo Point e dal periodico ForzARomagna. Illustrerà il lavoro svolto nella campagna elettorale e le nuove proposte politiche. «Abbiamo piantato un seme con orgoglio per ben due volte in pochi mesi - afferma Rondoni - confermando, anzi, migliorando seppur leggermente, il dato percentuale delle scorse Europee, in un momento in cui il calo vistoso e drammatico dei votanti ha punito la classe dirigente, la vecchia politica e messo in crisi la stessa democrazia». E aggiunge: «Ora chiediamo con maggiore forza che si dia presto vita ad un soggetto popolare, liberale, europeo perché non può continuare la riproposizione di vecchie sigle ma serve una proposta nuova che sappia attrarre e colmare il vuoto dei moderati». Sabato 29 novembre, inoltre, Rondoni farà la spesa per i poveri, aderendo così alla 18ª Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, la raccolta dei prodotti per persone bisognose che a Forlì e comprensorio si svolgerà in decine di supermercati.

Forlì, 27/11/2014

****

Comunicato stampa n. 510

RONDONI SULL’ESITO DELLE ELEZIONI: «ABBIAMO PIANTATO UN SEME, 
CONFERMATO E MIGLIORATO IL VOTO DELLE EUROPEE»
Il candidato Presidente, che ha portato un contributo di voti personali oltre a quelli ottenuti dalla lista, 
afferma: «Il crollo dei votanti punisce la classe dirigente e la vecchia politica. A rischio la democrazia»
Alessandro Rondoni, candidato Presidente della Regione per “Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe, ha seguito nella notte a Bologna, nella sede della Regione, l’esito delle elezioni, commentando a caldo i risultati in diretta tv e streaming. «Abbiamo piantato un seme con orgoglio, per ben due volte in pochi mesi - ha detto - confermando, anzi, migliorando seppur leggermente, il dato percentuale delle scorse Europee, in un momento in cui il calo vistoso e drammatico dei votanti ha punito la classe dirigente, la vecchia politica e messo in crisi la stessa democrazia». E rispondendo alle numerose domande dei giornalisti, Rondoni ha dichiarato: «L’area politica moderata, popolare e di ispirazione europea non può rassegnarsi ad un’offerta politica insufficiente con vecchi apparati, nuovi barbari e calar di braghe. Occorre costruire una proposta e non limitarsi alla protesta. In troppi, in questa campagna elettorale, mi hanno detto di voler rinunciare alla democrazia preferendo che arrivi un uomo solo al comando per mettere ordine. E questo è un allarme per tutti». Rondoni, che lunedì 24 è anche intervenuto in diretta su Rai 3 Emilia-Romagna per commentare l’esito elettorale, ha aggiunto: «Abbiamo fatto un lavoro importante, con tanti candidati, gente che in ogni provincia si è dedicata al nuovo movimento politico in condizioni difficili e senza mezzi. Sono contento anche di aver dato un contributo ulteriore in termini di voti personali ottenuti, 33.437, raggiungendo  così il 2,7%, e per la lista il 2,63%, e dei risultati positivi specialmente nelle province di Forlì-Cesena, di Rimini e nella Romagna. Un po’ di amarezza c’è per non aver superato la soglia del 3% e non essere così riusciti ad eleggere un consigliere (verosimilmente del collegio di Bologna). Sarebbe stata la ciliegina sulla torta». Rondoni che nella notte, nella sala stampa della Regione, ha subito salutato anche il nuovo presidente Bonaccini, augurandogli buon lavoro, ha poi aggiunto: «Pensando pure alla politica nazionale, chiediamo ora con maggiore forza che si dia presto vita ad un soggetto popolare, liberale, europeo perché non può continuare la riproposizione di vecchie sigle ma serve una proposta nuova che sappia attrarre e colmare il vuoto dei moderati». E conclude con una nota personale: «Sono state settimane intense di campagna elettorale, ho macinato chilometri in lungo e in largo per la regione, ho vissuto la straordinaria avventura di incontrare persone vere e nuove e di visitare luoghi mai visti prima. Qualcosa è già accaduto, adesso guardiamo avanti. Ringrazio tutti coloro che ci hanno votato, i candidati e tutti i volontari che con la loro opera hanno contribuito a questo progetto che inizia un nuovo percorso».

 Forlì, 24/11/2014

 

****

Comunicato stampa n. 509

L’APPELLO DI RONDONI: «VOTARE “EMILIA-ROMAGNA POPOLARE” PER UNA REGIONE 
PIU’ VICINA ALLE IMPRESE E ALLA FAMIGLIA, CON MENO BUROCRAZIA»
Il candidato Presidente ha incontrato i cittadini al Rondo Point a Forlì e chiude la campagna elettorale 
con il ministro Lupi in un tour da Imola a Piacenza: «Diamo Regione ai cittadini. Meno all’ente più alla gente»
Alessandro Rondoni, candidato Presidente della Regione per “Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe, in vista del voto per le elezioni regionali di domenica 23 novembre lancia il suo appello: «Scegliere “Emilia-Romagna Popolare” per una Regione più vicina alle imprese e alla famiglia e con meno burocrazia. È ora di cambiare il modello politico-economico regionale, ormai vecchio e superato. C’è bisogno di una rottura nel segno della libertà, dell’equità, della sussidiarietà, della solidarietà, di maggiore sviluppo economico, di più equilibrio e coesione fra i territori». E sottolinea: «Votare “Emilia-Romagna Popolare” significa anche non fomentare l’assenteismo, l’astensionismo o la distruzione ma ricostruire con coraggio e responsabilità una presenza reale, con i valori legati alla nostra storia e alla nostra tradizione, al servizio della gente e del territorio, in alternativa alla sinistra e al vecchio apparato, così come al populismo e alla deriva di chi urla contro tutto». E conclude: «Diamo Regione ai cittadini. Meno all’ente più alla gente!». Nella mattinata di oggi, venerdì 21 novembre, a Forlì Rondoni ha incontrato i cittadini al Rondo Point. E dal pomeriggio, insieme al ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi, ha iniziato il tour di appuntamenti per la chiusura della campagna elettorale, prima ad Imola, all’Hotel Molino Rosso, poi nell’imolese, a Fidenza e infine a Piacenza.

 

Forlì, 21/11/2014

 

****

Comunicato stampa n. 508

RONDONI: «PIU’ SOSTEGNO ALL’AGRICOLTURA E ALL’AGROALIMENTARE. 
PRIORITA’ AL LAVORO, MENO BUROCRAZIA E MENO TASSE»
Venerdì 21 alle ore 12 il candidato Presidente incontrerà i cittadini a Forlì al Rondo Point 
e poi chiuderà la campagna elettorale con il ministro Lupi in un tour che si concluderà la sera Piacenza

Alessandro Rondoni, candidato Presidente della Regione per “Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe, dichiara: «Per dare impulso all’economia e favorire la ripresa, è necessario sostenere maggiormente il settore dell’agricoltura e dell’agroalimentare, che vanta prodotti tipici di qualità e marchi di eccellenza riconosciuti a livello europeo e mondiale». Rondoni, che oggi giovedì 20 novembre, a Marmirolo di Reggio Emilia ha incontrato il sottosegretario alle Politiche Agricole, on. Giuseppe Castiglione, aggiunge: «È necessario che la Regione metta in campo misure a favore della meccanizzazione, con agevolazioni per l’acquisto di nuove macchine e attrezzature agricole, utili per un incremento dell’efficienza, della produttività e della competitività». E poi dichiara: «La priorità dopo le elezioni dovrà essere data al lavoro, con la diminuzione delle tasse e con interventi diretti per le imprese, che devono poter accedere al credito agevolmente, e alla sburocratizzazione dell’ente, con l’eliminazione di apparati inutili e costosi». Giovedì 20 Rondoni è intervenuto a Bologna a Tele Radio Nettuno, a “Tribuna Elettorale” su Rai 3, e al confronto con i candidati presidenti della Regione organizzato dalla Cisl; a Modena alla conferenza stampa con i senatori Renato Schifani e Carlo Giovanardi. In serata al Camplus di Bologna incontra il sen. Gaetano Quagliariello e poi nella Sala Cacciaguerra della Banca di Cesena partecipa al convegno su lavoro, sanità e sussidiarietà. Venerdì 21 Rondoni incontrerà a Forlì i cittadini alle ore 12 al Rondo Point, in corso della Repubblica 2 ter, e chiuderà la campagna elettorale con il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maurizio Lupi, in un tour che nel pomeriggio partirà da Imola e si concluderà la sera con un incontro a Piacenza.

Forlì, 20/11/2014

 

 

 ****

Comunicato stampa n. 507

 RONDONI: «PER UNA REGIONE SOLIDALE E ATTENTA A CHI HA BISOGNO 
CI VUOLE UN WELFARE DI COMUNITA’ CON PIU’ SUSSIDIARIETA’»
Il candidato Presidente è stato a San Patrignano (RN), presso la Comunità di recupero, e a Guastalla (RE) sull’argine 
del Po: «Vicino a chi soffre e vuole rialzarsi e a chi è in stato di allerta». La partecipazione a Sky TG 24 a Milano
Alessandro Rondoni, candidato Presidente della Regione per “Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe, è intervenuto presso la Comunità di San Patrignano (RN) martedì 18, nel corso di un dibattito dove sono state presentate le proposte per la prossima legislatura regionale. «Mi impegno - afferma -  per una Regione più solidale e attenta a chi ha bisogno, vicina a chi soffre e vuole rialzarsi. Serve un welfare di comunità ed è importante che la Regione sostenga maggiormente, nel segno della sussidiarietà, le realtà che operano nel sociale secondo il principio “aiuta chi aiuta”, valorizzando il privato sociale e il mondo del volontariato». Rondoni ha successivamente partecipato a Guastalla (RE) ad un incontro con i candidati locali e si è poi recato sull’argine del Po, dove ha incontrato anche alcuni volontari della Protezione Civile che stavano monitorando la situazione del fiume, per «essere vicino alle popolazioni che vivono in queste ore lo stato di allerta». Il candidato Presidente aggiunge: «Esprimiamo la nostra vicinanza alle popolazioni della nostra regione colpite da alluvioni e terremoti, che ancora attendono fondi e risposte e lamentano lungaggini burocratiche. La Regione deve aiutare di più e più velocemente chi è colpito dall’emergenza, investire maggiori risorse per la prevenzione dei rischi idrogeologici e semplificare la burocrazia». Mercoledì 19 Rondoni ha partecipato a Piacenza alla trasmissione “Fuori Sacco” su Telelibertà, a Modena a “Piazza Grande” su Tv Qui e in serata, alle ore 21 a Milano, al confronto con gli altri candidati presidenti in diretta su Sky TG24 HD. Giovedì 20 a Bologna interverrà a Tele Radio Nettuno alle 7.30, a “Tribuna Elettorale” su Rai 3, in onda alle ore 15.10, e al confronto con i candidati presidenti della Regione organizzato dalla Cisl alle ore 11 presso la sede del sindacato in via Milazzo. Sarà poi ad altri appuntamenti elettorali in Emilia e in serata al Camplus di Bologna ad un incontro con il senatore Gaetano Quagliariello.

  Forlì, 19/11/2014

 

 

****

Comunicato stampa n. 506

RONDONI HA INCONTRATO IL MINISTRO LUPI: «SIAMO UN MOVIMENTO NUOVO, 
MODERATO, POPOLARE E RESPONSABILE»


Il candidato Presidente ha dichiarato: «In una settimana abbiamo portato quattro ministri in Emilia-Romagna»

E interverrà mercoledì 19 a Sky TG24 e giovedì 20 su Rai 3 a “Tribuna Elettorale”   
Alessandro Rondoni, candidato Presidente della Regione per “Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe, e il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, on. Maurizio Lupi, il 17 novembre hanno partecipato agli incontri a Modena, Rimini e Forlì. «Siamo stati gli unici in questa campagna elettorale - ha affermato Rondoni - a portare in Emilia-Romagna nell’arco di una settimana quattro ministri e diversi sottosegretari. Dopo Alfano, la Lorenzin e Galletti, la presenza di Lupi è un prezioso contributo al futuro delle opere e delle infrastrutture della nostra regione». Il candidato Presidente ha aggiunto: «Quello che stiamo facendo è importante e dimostra che “Emilia-Romagna Popolare” è un movimento nuovo e responsabile, liberale, moderato, popolare, che fa politica per il bene comune, della gente e del territorio, lontano da vecchi schemi ma anche da urla, derive populiste ed estremismi». E sulle necessità infrastrutturali del territorio Rondoni ha dichiarato: «Per una regione più sviluppata, e per dare maggiore impulso all’economia, all’occupazione e al turismo, è necessario fare le opere, collegare le infrastrutture e la nostra regione con il Nord-Est Italia e l’Europa». Ha poi detto: «Ringrazio il ministro Lupi per l’attenzione che ha sempre avuto verso gli aeroporti dell’Emilia-Romagna, dove ha chiesto che si crei un sistema integrato fra gli scali, mettendoli in rete e valorizzando la vocazione di ognuno senza inutili rivalità». Agli incontri sono intervenuti anche i coordinatori Ncd e Udc regionali e provinciali e i candidati consiglieri delle varie province. Mercoledì 19 a Milano, Rondoni parteciperà al confronto con gli altri candidati presidenti che sarà trasmesso in diretta alle ore 21 su Sky TG24 HD e giovedì 20 a Bologna a “Tribuna Elettorale” su Rai 3 che andrà in onda alle ore 15.10.

Forlì, 18/11/2014

 

 ****

Comunicato stampa n. 505

RONDONI CON IL MINISTRO LUPI: «LA REGIONE CAMBI MODELLO POLITICO-ECONOMICO 
E PROGRAMMI MEGLIO OPERE E COLLEGAMENTI. PIU’ SOSTEGNO ALLE IMPRESE»
Il candidato Presidente insieme al Ministro delle Infrastrutture a Modena, Rimini e Forlì

E sulla vicenda Hera chiesti chiarimenti e le dimissioni del Sindaco di Bologna e del Presidente

Alessandro Rondoni, candidato Presidente della Regione per “Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe, lunedì 17 novembre con il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, on. Maurizio Lupi, partecipa al convegno a Modena, presso Lapam, e agli incontri a Rimini, all’Hotel Sporting, e a Forlì all’Hotel della Città. «La Regione - afferma Rondoni - deve cambiare il modello politico-economico e programmare meglio la realizzazione di opere cantierabili e di collegamenti infrastrutturali, necessari per creare lavoro e sviluppo e per una Regione ben connessa al Nord-Est Italia e all’Europa». E aggiunge: «Per far ripartire l’economia è altresì necessario intervenire stanziando subito cento milioni per le imprese attraverso il sistema delle garanzie per l’accesso al credito». In merito alla vicenda di Hera, che ha scosso la cronaca giornalistica di queste ore, Rondoni afferma: «È ora che si cambi qualcosa, subito, e che si intervenga per fare chiarezza. Chiediamo le dimissioni del Sindaco di Bologna e del Presidente di Hera. Occorre dare un forte segnale ai cittadini e il Parlamento deve approfondire e discutere questa “bomba” ecologica scoppiata nel cuore di Bologna e nel sistema politico-economico di questa Regione già attraversata da uno sconvolgimento, con crisi istituzionale, per cui andiamo anche a votare anticipatamente. È la fine di un modello che non regge più nella Regione “rossa”, scossa da un terremoto politico-giudiziario». Oggi, lunedì 17, Rondoni, insieme a Gabriele Toccafondi, sottosegretario di Stato del Ministero dell’Istruzione, e ai candidati consiglieri della provincia di Ravenna, ha visitato a Faenza il Museo delle Ceramiche. Martedì 18 parteciperà al confronto con i candidati presidenti presso la Comunità di San Patrignano alle ore 14  e a un incontro elettorale a Guastalla (Reggio Emilia) alle ore 21.

 Forlì, 17/11/2014

 

****

Comunicato stampa n. 504 

RONDONI CON IL MINISTRO LUPI PER «UNA REGIONE MEGLIO COLLEGATA, 
CHE SAPPIA FARE SISTEMA SENZA GUERRE TRA CAMPANILI E CONFLITTI FRA TERRITORI»

Il candidato Presidente di “Emilia-Romagna Popolare” con il Ministro delle Infrastrutture 
e dei Trasporti sarà lunedì 17 novembre agli incontri a Modena, a Rimini e a Forlì
Alessandro Rondoni, candidato Presidente della Regione Emilia-Romagna alle elezioni di domenica 23 novembre 2014 con la lista “Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe, lunedì 17 novembre partecipa ad appuntamenti in regione insieme al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, on. Maurizio Lupi. Sarà a Modena alle ore 16, al convegno presso Lapam in Via Emilia Ovest 775, a Rimini alle ore 18.30 all’Hotel Sporting in viale Vespucci 20 all’incontro sul futuro degli aeroporti e sulle opportunità legate al decreto Sblocca-Italia, e a Forlì alle ore 21 all’Hotel della Città in corso della Repubblica 117 per la presentazione della sua candidatura e per un dibattito sulle infrastrutture regionali. «La presenza del Ministro - afferma Rondoni - rappresenta una grande opportunità per verificare la messa in rete delle opere infrastrutturali della regione e i collegamenti che sono necessari per rendere la nostra realtà più connessa al proprio interno e al Nord-Est Italia e per cogliere le opportunità offerte dal Corridoio europeo Baltico-Adriatico che farà dell’Emilia-Romagna la piattaforma logistica e la cerniera di collegamento Nord-Sud». E sottolinea: «Adesso è necessario superare le miopie e i ritardi di questi decenni che hanno creato disparità e conflittualità fra territori che si sono fatti la guerra per viabilità, aeroporti, infrastrutture, fiere, università. Ora occorre un governo della Regione capace di fare rete, senza guerre fra campanili, nel sistema aeroportuale e che colleghi porto, ferrovie, strade, scali merci, portando equilibrio fra i territori». Dopo i ministri Alfano, Lorenzin e Galletti, anche Lupi, esponente nazionale Ncd, verrà per sostenere la canditura di Rondoni e il progetto politico di “Emilia-Romagna Popolare”. Il candidato Presidente, inoltre, oggi domenica 16 novembre, partecipa alle ore 21 a Coriano (Rn), nel Teatro CorTe, al dibattito con i candidati presidenti “Quale ambiente lasciamo in eredità alle nuove generazioni” organizzato dal Comitato Ambiente e Salute di Riccione.

 Forlì, 16/11/2014

 

 ***

Comunicato stampa n. 503

RONDONI CON IL MINISTRO GALLETTI A BELLARIA, CESENATICO, FAENZA: 
«TUTELA DELL’AMBIENTE, PREVENZIONE E SICUREZZA DEL TERRITORIO»
Il candidato Presidente insieme al Ministro dell’Ambiente agli incontri con bagnini, pescatori, albergatori,
 operatori del turismo e sindaci sulla salvaguardia delle spiagge e della costa dai rischi idrogeologici
Alessandro Rondoni, candidato Presidente della Regione Emilia-Romagna alle elezioni di domenica 23 novembre 2014 con la lista “Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe, partecipa ad appuntamenti sul territorio insieme al ministro dell’Ambiente, on. Gian Luca Galletti. Oggi, sabato 15 novembre, è intervenuto con il Ministro agli incontri a Bellaria, nel Palazzo del Turismo, a Cesenatico, presso la Cooperativa Bagnini, e a Faenza al Kartika Cafè. Domenica 16 alle ore 12.30 sarà a Modena. «Vista anche l’allerta meteo di questi giorni pure nella nostra regione - afferma Rondoni -  è sempre più necessario tutelare l’ambiente attraverso maggiore prevenzione e sicurezza del territorio. Il ministro Galletti ha assicurato l’impegno del Governo in questa direzione, con lo stanziamento di fondi e il piano nazionale di prevenzione e sicurezza». Il candidato Presidente continua: «Ci vuole una politica ambientale che guarda non solo ai piani di emergenza ma anche alla prevenzione e alla tutela della montagna, della costa e delle spiagge del nostro territorio. La Regione deve saper fare una vera programmazione, semplificando la burocrazia pure in questo campo». Rondoni, che con Galletti ha anche incontrato sindaci, amministratori locali, operatori economici, albergatori, bagnini, pescatori, rappresentanti di categoria e di associazioni, sottolinea: «Una vera politica ambientale anche in questa Regione può essere decisiva per favorire la crescita economica e lo sviluppo del nostro turismo». Dopo l’arrivo dei ministri Alfano, Lorenzin e Galletti, è atteso anche il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maurizio Lupi, che lunedì 17 sarà a Modena alle ore 16 presso Lapam, a Rimini alle ore 18 e a Forlì alle ore 21 a un incontro pubblico all’Hotel della Città.

Forlì, 15/11/2014

****

Comunicato stampa n. 502

RONDONI INSIEME AL MINISTRO DELLA SALUTE LORENZIN A CASTROCARO SULLA SANITA’
Alessandro Rondoni e il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, hanno incontrato rappresentanti del mondo della sanità, medici, infermieri e operatori di realtà pubbliche e private, al convegno “Come cambia la sanità dopo il Patto della Salute”, che si è svolto al Grand Hotel Terme di Castrocaro venerdì 14 novembre. La Lorenzin, che è pure esponente nazionale Ncd, è giunta in Romagna anche per presentare la candidatura di Rondoni a Presidente della Regione con “Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe. «Il nuovo Patto per la Salute - ha affermato il Ministro - prevede per le Regioni una certezza di budget, con la possibilità di avviare una programmazione triennale, una lotta più dura agli sprechi e alle inefficienze e la garanzia per tutti di accedere alle cure, ai farmaci e a uno standard qualitativo di assistenza, nell’ottica anche di una sanità digitale». Alessandro Rondoni ha poi osservato: «È giusto e necessario riorganizzare e rimodulare in modo non verticistico, come invece ha fatto la Regione in questi anni, i servizi sanitari di un’area vasta come la Romagna. La politica deve fare passi indietro sulle nomine, dobbiamo garantire tempi certi per le visite, eliminare sprechi, garantire i servizi e le eccellenze che ci sono in questo territorio, con un patto pubblico-privato in nome della sussidiarietà dove è al centro la persona, e non la struttura, e dove i cittadini hanno finalmente la libertà di scelta». Al convegno, cui hanno partecipato pure i candidati locali, sono intervenuti anche la sen. Laura Bianconi, i coordinatori Ncd e Udc, on. Sergio Pizzolante, Andrea Pasini, Stefano Gagliardi. Erano inoltre presenti rappresentanti del mondo degli allevatori delle realtà zootecniche, in particolare di quella avicola.

Forlì, 14/11/2014

****

Comunicato stampa n. 501

RONDONI: «SERVE UNA LEGGE REGIONALE A SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA, 
ANCHE PER QUESTO ADERISCO AL “FAMILY ACT” DI SABATO  15 NOVEMBRE»


Il candidato Presidente della Regione per “Emilia-Romagna Popolare” venerdì 14 con il ministro della Salute, Lorenzin, agli incontri sulla sanità a Ferrara, Bologna e a Castrocaro Terme

  «E’ necessaria una legge regionale sulla famiglia che la renda protagonista nel sistema degli interventi pubblici» afferma Alessandro Rondoni, candidato Presidente della Regione con “Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe. «Occorre sostenere la famiglia - continua - perché è luogo di vita, di educazione, di solidarietà, prima rete di protezione e di assistenza, soggetto economico attivo e di welfare. La prima economia, infatti, si fa e si impara in famiglia, che è fonte di relazioni capaci di trasmissione generazionale di saperi e anche di risorse materiali». Il candidato Presidente aggiunge: «Se si vuole ristabilire fiducia in questo periodo di crisi, è necessario che anche la Regione Emilia-Romagna nei propri interventi difenda e sostenga con più forza la famiglia, vero luogo della ripresa, dove si può riattivare la speranza». Rondoni, inoltre, sottolinea: «Sono stato l’unico candidato Presidente ad aver sottoscritto il manifesto del Forum delle Associazioni Familiari, con l’impegno di far approvare una legge regionale organica sulla famiglia. Per avere anche più attenzione ai nuclei con figli, che non possono essere penalizzati nell’ambito della fiscalità, delle tariffe, dei ticket sanitari e per portare avanti la “valutazione di impatto familiare” in modo che le norme approvate siano prima testate negli effetti sulla famiglia». E conclude: «Anche per questo aderisco al “Family Act”, la manifestazione che si svolgerà sabato 15 in difesa della vita e della famiglia». Rondoni, nella mattinata di oggi, venerdì 14 novembre, è intervenuto sulla sanità insieme al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, agli incontri che si sono svolti a Ferrara, nella Sala San Girolamo dei Gesuati, e a Bologna presso l’Ordine dei Medici. Alle ore 18.30 al Grand Hotel Terme di Castrocaro (via Roma 2), partecipa all’incontro pubblico “Come cambia la sanità dopo il Patto della Salute”, dove saranno presenti anche la sen. Laura Bianconi e i coordinatori regionali e provinciali Ncd-Udc. Il candidato Presidente sarà inoltre sabato 15, insieme al ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, agli appuntamenti a Bellaria alle ore 10 nel Palazzo del Turismo, a Cesenatico alle ore 12 presso la Cooperativa Bagnini e a Faenza alle ore 14 al Kartika Cafè. Rondoni ha anche partecipato giovedì 13, nella Sala Civica di Vetto d’Enza sull’Appennino Reggiano, all’incontro con i candidati locali e il vicesegretario nazionale Udc, on. Mauro Libè, dove sono state presentate le proposte da portare in Regione a sostegno della montagna e dell’Appennino emiliano-romagnolo, e il progetto della diga di Vetto.
 
Forlì, 14/11/2014
1.-Rondoni-Lorenzin-Ferrara

 

****

Comunicato stampa n. 500

RONDONI CON LA LORENZIN VENERDI’ 14 NOVEMBRE A FERRARA, BOLOGNA, CASTROCARO:
«NELLA SANITA’ TAGLI AGLI SPRECHI, PIU’ SERVIZI E INTEGRAZIONE PUBBLICO-PRIVATO»


Incontri pubblici con il Ministro della Salute e il candidato Presidente della Regione per “Emilia-Romagna Popolare”. Appuntamenti anche col ministro dei Trasporti Lupi lunedì 17 a Modena, Reggio Emilia, Forlì


Alessandro Rondoni, candidato Presidente della Regione Emilia-Romagna alle elezioni di domenica 23 novembre 2014 con la lista “Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe, parteciperà ad appuntamenti in regione insieme al ministro della Salute, on. Beatrice Lorenzin. Agli incontri saranno presenti anche i coordinatori regionali e provinciali Ncd-Udc, parlamentari ed esponenti politici del territorio. Venerdì 14 novembre Rondoni seguirà la Lorenzin a Ferrara alle ore 11.30, nella Sala di San Girolamo dei Gesuati, a Bologna alle ore 15.30, e a Castrocaro alle ore 18.30, al Grand Hotel Terme, dove si svolgerà il convegno “Come cambia la Sanità dopo il Patto della Salute”. «L’arrivo del Ministro - afferma Rondoni - rappresenta un’occasione importante per porre all’attenzione del Governo il sistema sanitario della Regione Emilia-Romagna. E’ necessario tagliare gli sprechi, ampliare i servizi ai cittadini, risolvere il problema delle lunghe liste d’attesa per le visite specialistiche e introdurre un nuovo modello basato su una più stretta integrazione pubblico-privato. Da rivedere anche le modalità “verticistiche” date dalla Regione per la riorganizzazione delle ausl». Rondoni, inoltre, lunedì 17 novembre interverrà con il ministro dei Trasporti, on. Maurizio  Lupi agli incontri a Modena alle ore 16, a Reggio Emilia alle ore 18.30 e a Forlì alle ore 21, presso l’Hotel della Città (corso della Repubblica 117). Il candidato Presidente è intervenuto l’11 a Cesenatico all’assemblea del Mar su “Sanità in Romagna, quale futuro?”; ha partecipato a Bologna il 12 alla “Tribuna Elettorale” su Rai 3 e al confronto con Confcommercio; ha poi preso parte ad incontri elettorali a Ferrara, con i sindaci a Voghiera e Poggio Renatico, e a Portomaggiore; poi a Bologna ha seguito il convegno della Cdo “Contribuire al bene della nostra regione”. Giovedì 13, è stato al mercato in piazza a Faenza; partecipa a Bologna, all’Hotel Savoia Regency alle ore 16.30, all’incontro del Comitato Italiano Paralimpico, a Lugo nella Sala del Carmine alle ore 18.30 al confronto su sanità e area vasta “Chi si prende cura dei Romagnoli?”, e a Vetto d’Enza (Reggio Emilia) alle 20.45 al dibattito sull’Appennino e alla presentazione della lista “Emilia-Romagna Popolare”.

Forlì, 13/11/2014

 

****


Comunicato stampa n. 497

ALFANO HA LANCIATO LA CANDIDATURA DI RONDONI A PRESIDENTE DELLA REGIONE: 

«È AL SERVIZIO DEL TERRITORIO E DELLA GENTE PER UN IDEALE COMUNE»
 

La presentazione nella Sala Borsa della Camera di Commercio di Forlì e la visita al Rondo Point

Il candidato: «Lavoriamo per sostenere famiglia e imprese e per una Regione più libera che guarda all’Europa»


Angelino Alfano, presidente nazionale Ncd, ha lanciato la candidatura di Alessandro Rondoni alla Presidenza della Regione Emilia-Romagna alle elezioni del 23 novembre con “Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe. La presentazione è avvenuta a Forlì sabato 8 novembre nella Sala Borsa della Camera di Commercio, ma prima Rondoni ha portato Alfano in visita al Rondo Point in piazza Saffi, mostrandogli la storica edicola, ora punto di ascolto e informazione dove incontra i cittadini e fa politica in mezzo alla gente. All’incontro pubblico, dove erano presenti duecento persone, Alfano ha dichiarato: «Rondoni è il candidato giusto perché si mette a disposizione del territorio e della gente in nome di un ideale comune, con forza, coraggio e generosità». E ha aggiunto: «Con il lavoro che sta svolgendo in questi anni, sta dando un grande contributo al nostro progetto di creare una forza politica nuova, popolare, moderata, responsabile, lontana da ogni estremismo». Rondoni ha poi osservato: «Sono orgoglioso di essere l’unico forlivese e romagnolo candidato Presidente della Regione e di portare in questa campagna elettorale anche la voce del mio territorio.  Mi sto impegnando per una Regione meno burocratica, che pone al centro la famiglia e le imprese in nome della libertà e della sussidiarietà. Il candidato Presidente ha aggiunto: «Emilia-Romagna Popolare è un movimento reale di gente che lavora per il cambiamento.  Alla vigilia del 25° anniversario della caduta del Muro di Berlino, del 70° della Liberazione di Forlì, e nel 62° anniversario della morte di don Pippo, siamo qui ad affermare il nostro impegno per la libertà, per una Regione meno bolognocentrica e che guarda all’Europa». Alla presentazione sono intervenuti anche i coordinatori regionali Ncd, on. Sergio Pizzolante e Valentina Castaldini, quello Udc, Andrea Pasini. Presenti pure il responsabile provinciale Ncd, Stefano Gagliardi, i candidati consiglieri di Forlì-Cesena, Paolo Anconelli, Francesca Bertozzi, Elena Fabbri, Luca Lostritto, Odo Rocchi, e il sindaco di Cesenatico, Roberto Buda e Giuseppe Mercatali di Modigliana.  Sabato 8 Alfano ha presentato Rondoni e i candidati consiglieri locali anche a Rimini, all’incontro su turismo, commercio, spiagge, alberghi e abusivismo commerciale, e a Ravenna. Venerdì 7, Rondoni ha inoltre partecipato insieme al sen. Gaetano Quagliariello agli incontri pubblici a Piacenza e a Parma, ed è intervenuto a Reggio Emilia.
Forlì, 8/11/2014

2

3

****

Comunicato stampa n. 495


RONDONI: «SERVE UNA LEGGE REGIONALE PER LA FAMIGLIA, SOGGETTO ECONOMICO ATTIVO, PRIMA RETE DI WELFARE, IMPRESA NATURALE E SOCIALE»



Il candidato Presidente della Regione ha sottoscritto il “Manifesto” con le proposte per la famiglia
al Forum delle Associazioni Familiari
 dell’Emilia-Romagna a Bologna

 
 «Sono necessarie politiche regionali a favore della famiglia, luogo di vita, di educazione, di crescita, formazione, solidarietà» afferma Alessandro Rondoni, candidato Presidente della Regione Emilia-Romagna con “Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe, che ha seguito il 6 novembre a Bologna la conferenza stampa del Forum delle Associazioni Familiari dell’Emilia-Romagna. Nel corso dell’incontro, Rondoni ha sottoscritto il “Manifesto” proposto dal Forum e ha affermato: «Condivido i punti del documento che firmo con l’impegno di approvare una Legge regionale sulla famiglia per renderla protagonista nel sistema degli interventi pubblici, nel segno della sussidiarietà, con attenzione ai nuclei con figli, che non possono essere penalizzati nell’ambito della fiscalità, delle tariffe, dei ticket sanitari. Intendo portare avanti anche la valutazione di impatto familiare in modo che le norme approvate, anche a livello regionale, vengano prima testate negli effetti e nelle ricadute sulle famiglie, in particolare quelle più numerose. È una questione di equità». Durante la conferenza stampa sono state presentate le proposte programmatiche per il prossimo mandato amministrativo e, in riferimento alla crisi economica in atto, Rondoni ha sottolineato: «La famiglia è la prima rete naturale di rapporti caldi, di welfare e di assistenza. Essa è soggetto economico attivo, impresa naturale e sociale, senza la quale in questi anni il nostro sistema socio-economico sarebbe già crollato. L’Emilia-Romagna ha il triste primato della denatalità, che provoca squilibri demografici e mina il sistema socio-economico del nostro territorio togliendo speranze e prospettive per il futuro». Rondoni ha inoltre dichiarato: «Invito il Sindaco di Bologna a guardare la realtà fatta di centinaia di migliaia di famiglie, che attendono una risposta ai problemi che hanno, anziché perdere tempo a fare autografi per battaglie che andrebbero condotte in Parlamento, senza accendere gli animi con inutili divisioni, polemiche e conflitti istituzionali». Rondoni è stato intervistato a Radio Città del Capo a Bologna, con gli altri candidati presidenti Mazzanti e Quintavalla e domani sarà insieme al sen. Quagliariello agli incontri pubblici a Piacenza alle ore 16 all’Euro Hotel in via Colombo, a Parma alle ore 18 al bar Bistro’ in piazza Garibaldi 19 e a Reggio Emilia alle ore 21 al ristorante Amarcord in via Martiri di Cervarolo 76.

 

Forlì, 6/11/2014

 

 

 ***

Comunicato stampa n. 494

 RONDONI: «INTERVENTI URGENTI PER LA PREVENZIONE DEI RISCHI IDROGEOLOGICI 
E NUOVE POLITICHE AMBIENTALI REGIONALI PER LA TUTELA DEL NOSTRO TERRITORIO»

Il candidato Presidente della Regione ha incontrato il ministro dell’Ambiente Galletti 
a Ecomondo alla Fiera di Rimini dove sono stati annunciati nuovi interventi del Governo

Alessandro Rondoni, candidato Presidente della Regione Emilia-Romagna alle elezioni di domenica 23 novembre 2014 con la lista “Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe, afferma: «Occorre investire più risorse per la prevenzione dei rischi idrogeologici, che purtroppo ci sono anche in Emilia-Romagna come dimostrano le recenti vicende dell’inondazione del Baganza nel parmense e l’allarme di ieri sera sul Nord-Ovest Emilia. Ero infatti a Piacenza mentre si scatenava un nubifragio con l’allerta meteo che, come riportano le cronache di oggi, ha interessato anche Carrara e l’Appennino. Questi eventi, oltre alle recenti alluvioni di Parma e Modena, segnalano l’urgenza di interventi preventivi nella nostra regione, insieme a quelli di emergenza e di solidarietà per le popolazioni colpite. Investire sulla prevenzione serve anche a risparmiare quelle risorse che altrimenti dovranno poi essere spese per intervenire durante l’emergenza e ripristinare il territorio dopo i dissesti. Bisogna, inoltre, semplificare la burocrazia, i vari livelli amministrativi di competenze, perché si è visto anche il paradosso che quando i soldi ci sono non vengono utilizzati a causa delle lungaggini degli iter procedurali». Rondoni ha partecipato oggi, 5 novembre, a Ecomondo alla Fiera di Rimini dove ha incontrato il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, che è intervenuto alla cerimonia di inaugurazione e agli Stati Generali della Green Economy. «Il Ministro - afferma Rondoni - ha assicurato l’impegno del Governo ad aumentare con il decreto “Sblocca Italia” le risorse per le politiche ambientali e per la prevenzione dei rischi idrogeologici. È stata segnalata inoltre la questione dello smaltimento dei rifiuti, considerate pure le recenti e numerose proteste sull’arrivo di materiali di altre regioni da destinare agli impianti del nostro territorio, come mi è stato anche evidenziato ieri sera ad un incontro a Parma». Rondoni, che ha poi visitato gli stand dove sono presentate le nuove proposte tecnologiche e ambientali, aggiunge: «Il ministro Galletti ha chiesto un cambio di mentalità e il passaggio ad un’intera politica ambientale intesa come leva economica che attraversa, innovandoli, tutti i settori dell’economia». E sulla necessità di un nuovo piano regionale dell’aria, Rondoni osserva: «Credo sia urgente intervenire di più per la riduzione delle emissioni, come ci chiede l’Europa, avendo maggiore attenzione per la tutela della qualità e della salubrità dell’aria. Va constatato anche, dati e statistiche alla mano, il fallimento del piano regionale dei giovedì senz’auto che non ha ridotto il livello di PM 10, anzi ha creato desertificazione nei centri storici. Cambierò questa modalità con l’adozione di altre soluzioni». Il candidato Presidente continua: «La tutela dell’ambiente, infatti, non va vista come un vincolo a causa di rigide norme, ma deve essere considerata un’opportunità da cogliere attraverso interventi sugli incentivi, sulla fiscalità, la raccolta differenziata, l’innovazione delle imprese, l’efficienza energetica, la mobilità sostenibile, l’innovazione tecnologica, le energie alternative. Ho ascoltato proposte interessanti pure sui “city logistic point” delle “smart city” e altri progetti che possono essere utili nel nuovo piano regionale dell’ambiente».

Forlì, 5/11/2014

 

****

Comunicato stampa n. 493

RONDONI: «CAMBIARE IL MODELLO POLITICO-ECONOMICO DELLA REGIONE. 
IN ARRIVO I NOSTRI MINISTRI IN EMILIA-ROMAGNA, UN CONTRIBUTO AL TERRITORIO»



Il candidato Presidente parteciperà agli incontri con i ministri: dell’ambiente Galletti mercoledì 5, 
delle Infrastrutture e dei Trasporti Lupi venerdì 7, dell’Interno Alfano sabato 8

 Alessandro Rondoni, candidato Presidente della Regione Emilia-Romagna alle elezioni di domenica 23 novembre 2014 con la lista “Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe, afferma: «Mi impegno a cambiare il modello politico ed economico di questa Regione, ormai vecchio e superato, che dimostra di non funzionare e di non essere più sostenibile economicamente». E aggiunge: «Serve una Regione più snella, più trasparente, meno burocratica. La priorità è quella di fare subito interventi a sostegno dell’economia reale e delle imprese, vero motore della ripresa e del lavoro, e della famiglia. In nome della sussidiarietà». Il candidato Presidente annuncia, inoltre, che «sono in arrivo in Emilia-Romagna i nostri ministri per dare, ognuno con le proprie competenze, un grande contributo al territorio e impulso alla campagna elettorale, oltre che al nostro progetto di costruire una forza politica nuova, liberale, moderata, popolare e di ispirazione europea, che guarda al Ppe, difende e promuove i valori della nostra tradizione e della storia del nostro popolo, lontano da estremismi e vicino alla gente». Rondoni parteciperà agli incontri con i ministri già da mercoledì 5 a Rimini, con quello dell’ambiente Gian Luca Galletti, anche alla fiera Ecomondo; venerdì 7 alle 18.30 sarà con Maurizio Lupi, Infrastrutture e Trasporti, a Forlì al Centro Culturale San Francesco, e poi la sera a Rimini; sabato 8 alle 11 con il ministro dell’Interno Angelino Alfano all’Hotel Ambasciatori a Rimini, dove si svolgerà l’incontro su turismo, commercio, spiagge, alberghi e abusivismo commerciale, a Forlì alle 13.30 nella Sala Borsa della Camera di Commercio e di seguito a Ravenna alle 15.30. È inoltre previsto l’arrivo del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che farà una prima tappa in Romagna venerdì 14. La candidatura di Rondoni è stata presentata nei giorni scorsi in tutte le province emiliano-romagnole insieme ai candidati consiglieri locali e anche a livello regionale. Rondoni, inoltre, insieme agli altri candidati Presidenti è intervenuto a Bologna a dibattiti e confronti pubblici nelle assemblee regionali di associazioni economiche, Confesercenti, Legacoop, CNA, Alleanza Cooperative, Confcooperative. Inoltre, in occasione della festa nazionale del 4 novembre, il candidato Presidente ricorda «l’impegno e il servizio svolto dalle Forze Armate» e rivolge «un pensiero di solidarietà anche ai due marò». Domenica 2, Rondoni ha anche partecipato a Villalta di Cesenatico alla cerimonia commemorativa dei caduti delle due Guerre Mondiali dove è intervenuto il sindaco Roberto Buda.

Forlì, 4/11/2014

 

IMG 9281

 

****


Comunicato stampa n. 492 

RONDONI: «SERVE RIDURRE I TEMPI DELLE LISTE D’ATTESA, MENO POLITICA 
NELLA SANITA’ E MAGGIORE INTEGRAZIONE PUBBLICO-PRIVATO»

Il candidato presidente della Regione per “Emilia-Romagna Popolare” interviene anche sull’annullamento da parte del Prefetto di Bologna dei matrimoni gay e afferma: «Noi siamo per il rispetto della legge»

Alessandro Rondoni, candidato presidente della Regione Emilia-Romagna alle elezioni del 23 novembre con la lista “Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe, interviene: «Da sempre chiediamo la riduzione delle liste d’attesa nella sanità. Vogliamo tempi certi per le visite specialistiche e non a due velocità, lunghe attese di mesi e mesi se si va attraverso il Cup e invece pochi giorni per quelle a pagamento». E continua: «Si tratta di integrare meglio il sistema pubblico-privato, aprirlo maggiormente e accreditare nuove realtà senza che il pubblico gestisca più tutto». E, ricordando anche le proposte fatte in questi giorni di campagna elettorale sul maggior grado di utilizzo di macchinari e apparecchiature diagnostiche, aggiunge: «Occorre utilizzarli di più e, nel rispetto della riorganizzazione del personale, aprire anche a visite serali e nei weekend, come fanno altre regioni vicine, ad esempio il Veneto. E poi, nella cosiddetta “Sanità leggera” si possono trovare prestazioni di qualità grazie anche alle realtà del privato sociale. Deve finire la presenza politica che guida tutto dall’alto in modo verticistico, bisogna tagliare gli sprechi e andare verso i costi standard». Rondoni, inoltre, guardando ai nuovi processi di riorganizzazione, sottolinea: «Spiace, poi, vedere che anche l’avvio dell’Ausl unica romagnola sia stato contestato dai territori e che le gestioni di alcune Ausl siano oggi conosciute più per le indagini giudiziarie che per i processi di riqualificazione». Rondoni, inoltre, sulla notizia di oggi dell’annullamento da parte del Prefetto di Bologna delle trascrizioni degli atti dei matrimoni gay, fatte dal sindaco Merola, commenta: «Noi siamo per il rispetto della legge e ci riconosciamo nei principi della Costituzione. Credo che un Sindaco, poi, abbia cose ben più importanti di cui occuparsi per risolvere i problemi dei suoi concittadini, che fare autografi per battaglie di sua personale iniziativa, che destano polemiche e accendono gli animi. Se il Sindaco di Bologna non vuole fermarsi e vuole andare contro la legge, il Pd in Emilia-Romagna ci regalerà, oltre alle dimissioni del Governatore della Regione, anche il commissariamento del Comune. Un capolavoro politico che, oltre allo scontro e alle crisi istituzionali che pagheranno i cittadini, segna la fine di un sistema politico non più coeso ma lacerato da anime e correnti diverse».

 Forlì, 3/11/2014

 

****

Comunicato stampa n. 491


PRESENTATO RONDONI, CANDIDATO PRESIDENTE DELLA REGIONE 
EMILIA-ROMAGNA: «MENO ALL’ENTE, PIU’ ALLA GENTE»
Alla conferenza stampa al Caffè Ceccarelli presenti anche i candidati di Forlì-Cesena 
al Consiglio Regionale per la lista “Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe-Pi

 La candidatura del forlivese Alessandro Rondoni a Presidente della Regione Emilia-Romagna alle elezioni di domenica 23 novembre 2014, per la lista “Emilia-Romagna Popolare” (Ncd-Udc-Ppe-Pi), è stata presentata a Forlì lunedì 20 ottobre al Caffè Ceccarelli in piazza Saffi nel corso di una conferenza stampa. Insieme a Rondoni sono stati presentati anche i candidati al Consiglio Regionale per la circoscrizione di Forlì-Cesena: Paolo Anconelli di Forlimpopoli, Francesca Bertozzi di Cesenatico, Elena Fabbri di Cesena, Luca Lostritto di Forlì e Odo Rocchi di Roncofreddo. «Meno all’ente, più alla gente - ha affermato Rondoni annunciando il suo slogan elettorale - lavoriamo per una Regione più snella, più trasparente, meno burocratica e più vicina ai cittadini e alle imprese». E ha aggiunto: «È importante far dimagrire la Regione tagliando sprechi e apparati inefficienti e costosi, ma salvaguardando i servizi ai cittadini. È altresì necessario sostenere le aziende per far ripartire l’economia reale e l’occupazione, tutelare i posti di lavoro e introdurre misure a sostegno della famiglia, soggetto economico attivo, impresa naturale e sociale». Il candidato ha poi sottolineato: «Sono orgoglioso di essere forlivese e romagnolo e di poter lavorare per dare voce ai nostri territori in una Regione spesso vista come “nemica” persino da alcuni sindaci. Bisogna creare equilibrio e imparare a fare rete su fiere, aeroporti, infrastrutture. Come si è visto, la guerra delle varie province sugli aeroporti è costata alla collettività ingenti risorse. Per questo ora occorre fare sistema». Alla conferenza stampa sono intervenuti anche i coordinatori regionali di Ncd e Udc, on. Sergio Pizzolante e Andrea Pasini, la sen. Laura Bianconi e il responsabile provinciale Stefano Gagliardi. Presente anche Valerio Roccalbegni, neo consigliere eletto in Provincia e sindaco di Modigliana. «Abbiamo scelto Rondoni – hanno osservato i coordinatori – per il suo coraggio, la sua costante presenza sul territorio e fra la gente e per l’importante risultato ottenuto alle scorse elezioni Europee». Rondoni ha poi concluso: «Combatto a mani nude in mezzo alla gente per la novità e per un vero cambiamento. Dal Rondo Point allo storico ballottaggio, ora alla costruzione di un’alternativa al modello politico della Regione, ormai finito, con un laboratorio che dia vita anche in Italia a un nuovo soggetto politico, popolare, liberale e moderato di ispirazione europea, capace di rinnovare il centrodestra».
In ogni provincia è in corso la raccolta delle firme necessarie per la presentazione delle liste. A Forlì è possibile firmare lunedì 20 e mercoledì 22 in Corso Diaz 86, a partire dalle ore 20.30, e in Comune presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico in Piazzetta della Misura 5.

Forlì, 20/10/2014

****

RONDONI CANDIDATO PRESIDENTE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

«E ora sRegioniamo! È stata ufficializzata oggi a Roma la mia candidatura alla presidenza della Regione Emilia-Romagna con la lista Emilia-Romagna Popolare per Ncd-Udc-Ppe-Pi (http://www.nuovocentrodestra.it/emilia-romagna-alessandro-rondoni-candidato-presidente-alle-regionali-per-ncd-udc-pi/). Ho detto di sì per spirito di servizio e per contribuire a cambiare la politica della nostra Regione costruendo una nuova proposta del centrodestra alternativa alla sinistra, senza derive estremiste».

Pubblicato il 15/10/2014 su https://www.facebook.com/rondonialessandro

 

alessandro-rondoni

 

****

Comunicato stampa n. 490


MERCOLEDI’ 8 OTTOBRE ALLE ORE 20.30 NELLA SALA AVIS DI FORLI’ 
RONDONI SULLE REGIONALI: «CAMBIARE LA POLITICA DELL’EMILIA-ROMAGNA»
“Botta e risposta” con il politico forlivese, che racconterà “in diretta” le novità sulle elezioni 
e dialogherà con i cittadini dopo aver partecipato nel pomeriggio a Bologna al Coordinamento Ncd

Alessandro Rondoni, già candidato sindaco a Forlì nel 2009 e alle recenti elezioni Europee dove ha ottenuto diecimila voti nel collegio Nord-Est, mercoledì 8 ottobre alle ore 20.30 presso la Sala Avis, in via Giacomo della Torre 7 a Forlì, interverrà e risponderà alle domande dei cittadini sulle prossime elezioni Regionali in Emilia-Romagna e anche sulla situazione locale e nazionale dopo le recenti Europee e Amministrative. «Impegnarsi in politica in questi tempi - afferma Rondoni - è alquanto difficile, complesso e faticoso. Ma credo sia giusto dare voce ai bisogni della gente portandoli nelle sedi istituzionali e dove si decidono le regole della nostra convivenza civile e democratica». E in vista delle elezioni Regionali continua: «È ora di cambiare il modello politico-economico di questa Regione, con una proposta capace di unire e rinnovare anche il centrodestra». Rondoni alle 18.30 a Bologna parteciperà anche al Coordinamento Ncd Emilia-Romagna dove, in vista delle elezioni Regionali del 23 novembre, verrà affrontato il tema delle alleanze e delle candidature, fra le quali è stata ipotizzata anche la sua. Poi, alla sera nella Sala Avis di Forlì, racconterà “in diretta” gli sviluppi della vicenda politica. Rondoni era intervenuto anche sabato scorso a Bologna all’incontro regionale con il sen. Gaetano Quagliariello che, sulle alleanze, aveva affermato: «Mercoledì a Bologna i partiti faranno il punto della situazione. Non siamo stati noi a rompere con Forza Italia, ma il contrario». E sulla possibile candidatura di Rondoni ha osservato: «Ha il curriculum giusto, è certamente una delle ipotesi che affronteremo con gli alleati». Anche Giuliano Cazzola, esponente Ncd già candidato alle scorse Europee, in una nota ha affermato: «È forte e convincente la candidatura di Rondoni a capo di una coalizione di forze centriste e moderate. Candidato alle elezioni Europee, ha ottenuto un significativo successo personale con quasi diecimila voti in tutta la regione e la circoscrizione e non solo nella sua Romagna». All’incontro pubblico “Botta e risposta con Alessandro Rondoni”, organizzato dal Comitato Con Rondoni, dal periodico ForzARomagna e dal Rondo Point, si dialogherà inoltre sulle prospettive di Forlì dopo le ultime Comunali, sulla vicenda dell’aeroporto Ridolfi e sull’esito delle recenti elezioni Europee. L’incontro sarà anche l’occasione per illustrare le prossime attività del Comitato Con Rondoni e dell’Associazione Rondo Point.

Forlì, 7/10/2014
 

****

Comunicato stampa n. 489

RONDONI INCONTRA I CITTADINI AL RONDO POINT VENERDI’ 3 OTTOBRE ALLE 12
Interverrà anche sabato 4 a Bologna al Coordinamento Ncd Emilia-Romagna in vista delle elezioni Regionali «per costruire il rinnovamento con una forza popolare e moderata di ispirazione europea»

Alessandro Rondoni, già candidato alle recenti elezioni Europee, venerdì 3 ottobre alle ore 12 incontrerà i cittadini al Rondo Point (corso della Repubblica angolo piazza Saffi) per rispondere alle domande, illustrare le proposte politiche, raccontare le ultime iniziative svolte e quelle in programma. Rondoni, inoltre, interverrà sabato 4 alle ore 15.30 a Bologna al Coordinamento regionale Ncd, che si svolgerà insieme ai responsabili dell’Udc in via Santo Stefano 43, in vista delle elezioni Regionali in Emilia-Romagna. All’incontro saranno presenti il coordinatore nazionale Ncd, sen. Gaetano Quagliariello, il segretario nazionale Udc ed europarlamentare Lorenzo Cesa, i responsabili regionali Ncd, on. Sergio Pizzolante e Valentina Castaldini, oltre a membri di circoli, iscritti e simpatizzanti. «Mi sto impegnando - afferma Rondoni - come si è visto pure alle recenti elezioni Europee, dove ho ottenuto diecimila voti nel collegio Nord-Est, per costruire sul nostro territorio un movimento politico moderato e popolare di ispirazione europea, visto anche che di recente Ncd è ufficialmente entrato a far parte della grande famiglia del Ppe». E aggiunge, in prospettiva del prossimo appuntamento elettorale: «Il centrodestra ha bisogno di un rinnovamento che garantisca credibilità, trasparenza, partecipazione popolare e che dia voce alla gente. Le elezioni Regionali qui in Emilia-Romagna sono pure l’occasione di un laboratorio politico per far nascere una nuova forza che dia speranza all’alternativa, anche in una regione rossa come la nostra scossa da un terremoto politico dopo le dimissioni di Errani».

Forlì, 2/10/2014

****

manifesto-8-ottobre-sito 

 

****

Comunicato stampa n. 488

RONDONI RICORDA ADAMCZYK: «IL SUO IMPEGNO PER LA COMUNITA’ 
E IL TERRITORIO E PER UNA POLITICA MODERATA
E POPOLARE»


Il politico forlivese esprime cordoglio per la morte dell’ex sindaco di Dovadola

Alessandro Rondoni in una nota su facebook ha espresso cordoglio per la morte dell’ex sindaco di Dovadola, Carlo Adamczyk, e vicinanza alla famiglia. «L’ho incontrato più volte in passato - afferma - per il suo lavoro, il servizio politico, quello nell’Ausl e anche quando era sindaco, apprezzandone l’impegno per la comunità e il territorio, oltre alla politica sempre moderata e popolare che esprimeva». Rondoni, che parteciperà ai funerali che si svolgeranno giovedì 25 settembre alle ore 15 nella Badia di Dovadola, aggiunge: «Nella costante attenzione per la libertà e la solidarietà, Adamczyk manifestava bene anche le sue origini polacche». 

Forlì, 23/9/2014

 

****

 Comunicato stampa n. 487


RONDONI: «ACCETTATA LA PROPOSTA PER L’AEROPORTO DI FORLI’. 
UNA BUONA NOTIZIA PER LA CITTA’ E LA ROMAGNA. RINGRAZIO IL MINISTRO LUPI»

Il politico forlivese: «Ora serve formalizzare adempimenti e procedure richiesti nei tempi tecnici necessari per l’ufficialità dell’assegnazione e per riaprire il Ridolfi a fine anno o inizio 2015»

Alessandro Rondoni, nell’apprendere le nuove positive informazioni provenienti da Roma, afferma in una nota su facebook e su twitter: «Buone notizie per l’Aeroporto di Forlì. Si può sperare di tornare a volare in tempi brevi perché oggi la commissione tecnica di Enac ha accettato il piano proposto dal gruppo guidato dall’americano Mr. Halcombe che ora potrà, dopo i necessari adempimenti tecnici e societari, avviare l’iter per la gestione provvisoria in attesa del completamento della procedura. Se tutto proseguirà secondo le modalità indicate da Enac, che assisterà il gruppo di Mr. Halcombe alla formalizzazione degli adempimenti, prevedibilmente a fine anno o inizio 2015 l’Aeroporto di Forlì potrà riaprire e tornare a volare». Rondoni, esponente Ncd già candidato a sindaco e alle recenti Europee, in questi anni ha seguito la vicenda del Ridolfi anche attraverso numerosi contatti con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con il ministro Lupi che ha più volte incontrato. Fra gli appuntamenti più recenti, quelli dello scorso 26 agosto al Meeting di Rimini e del 4 maggio all’Hotel della Città di Forlì. Rondoni, che portò anche il sindaco Balzani a Roma dal Ministro a Palazzo Chigi il 25 giugno 2013, aggiunge: «Ringrazio il ministro Lupi per il costante impegno, per aver seguito con attenzione, sollecitato i tempi della procedura del percorso per Forlì e per il sistema di integrazione degli scali regionali. Ringrazio anche tutti coloro che oggi investono nel nostro territorio». Rondoni, che ha seguito anche le vicende dei lavoratori dello scalo, delle scuole di volo, dei noleggiatori, dei tassisti e dell’indotto aeroportuale, continua: «È una vittoria, un risultato importante per Forlì, per il territorio, l’intera Romagna e per i lavoratori, e che giunge dopo un lungo percorso, frastagliato e complicato, che negli ultimi anni ha visto numerosi colpi di scena. È giusto adesso continuare l’impegno e va sottolineato il lavoro profuso da più parti e, per una volta, in maniera unitaria e condivisa dalle forze istituzionali, politiche ed economiche. Forlì ha parlato con una voce sola e deve continuare a farlo per difendere uno degli asset principali della città e del territorio. Anche questo è importante rimarcarlo». E con una battuta presa dalla sua campagna elettorale del 2009, evidenzia, scherzando sul suo cognome: «Sono contento di aver dato il mio contributo in questi anni, come opposizione credibile e costruttiva per il bene comune, ho sempre creduto nell’Aeroporto e nell’importanza dei voli per lo sviluppo economico del futuro. Anche perché “Con Rondoni si vola”».

Forlì, 19/9/2014

 

****

 

NCD ENTRA NEL PPE: UNA BUONA NOTIZIA PER LA POLITICA

Il Nuovo Centrodestra è entrato ufficialmente a far parte della grande famiglia del Partito Popolare Europeo. L’ingresso è avvenuto dopo che il Ppe ha espresso all’unanimità il proprio voto favorevole il 12 settembre a Bruxelles. Si tratta di un primo grande passo per costruire anche in Italia un popolarismo moderato e di ispirazione europea, lontano da estremismi e disfattismi, in grado di offrire una nuova politica e un’alternativa valida e credibile alla sinistra. Nrgli anni scorsi in Consiglio Comunale a Forlì e anche la scorsa primavera con la mia candidatura alle Europee dove ho ottenuto diecimila preferenze nel collegio Nord-Est, mi sono infatti impegnato per costruire una forza popolare pure nel nostro territorio e nel nostro Paese. E per dare spinta e slancio al progetto di un’Europa unita anche politicamente, come volevano i padri fondatori fra cui De Gasperi, di cui lo scorso agosto si sono ricordati i 60 anni della morte. Continua così il cammino per cambiare la politica italiana, per riformulare e riformare la proposta del centrodestra, proiettandola nel futuro con una forza responsabile e lontana dalla violenza di chi usa linguaggi beceri, razzisti e antieuropeisti. L’ingresso nel Ppe è una buona notizia per chi crede in questo progetto, e non nella carta del Pse a cui Renzi aderisce, e per continuare far crescere, in questo delicato momento della vita del Paese, un soggetto politico capace di attrarre un vasto consenso e di porsi alla guida delle istituzioni italiane così come già accade a livello europeo.

Pubblicato il 18/9/2014 su  https://www.facebook.com/rondonialessandro

 

****

ROSSA… DI VERGOGNA

In vista delle prossime elezioni Regionali c’è bisogno di impegnarsi per un cambio di marcia, per un nuovo modello politico ed economico in Emilia-Romagna. Dopo le dimissioni del governatore Errani, l’apertura della crisi mette in evidenza la rottura di un sistema, la fine di un ciclo e di una classe dirigente che ha gestito il potere pubblico per troppi anni e, persino secondo molti nello stesso Pd, in modo verticistico. Non si spiegherebbe altrimenti il caos, il «casino» come ha detto lo stesso Renzi, che si è creato ancora una volta nella sinistra. Infatti le vere primarie del Pd oggi sono di natura giudiziaria e nessuno dei candidati e dei dirigenti di quel partito ha ancora avuto il coraggio di affermare che esistono una vera e propria “questione morale” ed un’emergenza politica anche in Emilia-Romagna. La consuetudine al potere per troppi mandati è comunque, per tutti, una fonte inevitabile di “equivoci” e va eliminata. Dalla Regione rossa alla Regione “scossa”, e ora rossa… di vergogna! Un vero e proprio terremoto sta scuotendo i pilastri della governance politico-istituzionale ed economica di questi territori. Infatti l’inchiesta giudiziaria colpisce i vertici, fa cadere e scredita per le primarie i candidati indagati e genera sfiducia nei militanti e simpatizzanti che ancora credono nella sinistra in salsa emiliana. Anche le istituzioni vanno preservate e così le “spese pazze” e gli scandali sui rimborsi sono al vaglio della magistratura. Pure il centrodestra, però, deve muoversi di più e meglio, costruendo un modello alternativo credibile, senza fermarsi in frazionamenti, personalismi e nella ricerca di bandierine e carrierine che non favoriscono un vasto consenso e una presenza popolare. Ancora una volta sembra primeggiare, come si è visto purtroppo anche alle recenti elezioni a Forlì, la logica di ricercare un posto al sole per sé piuttosto che costruire una vera alternativa per tutti. Una politica miope, vecchia e destinata al fallimento. Da una parte e dell’altra sono in azione le élite, le oligarchie di potere che vogliono decidere tutto, candidature comprese, nella stanza chiusa dei bottoni. Chi crede nella forza popolare e moderata della politica, in chiave europea, non può accettare simili ricatti ma deve continuare a lavorare e a impegnarsi in modo trasparente in mezzo alla gente, per servire il bene comune. In questa direzione ho contribuito anche alle recenti elezioni Europee, con diecimila voti nel Nord-Est (di cui 8.232 in Emilia-Romagna), per costruire e liberare nuove energie e forze. Senza un vero e proprio cambio di marcia nel modo di gestire il potere in Regione, di fare politica e di selezionare la classe dirigente, senza consentire ai cittadini di esprimere le proprie preferenze per la scelta delle candidature, non resterà che una politica vecchia e distante, ancorata a logiche di sistema dirigistico e padronale. Con l’amarezza di vedere i partiti attivarsi solo nelle settimane precedenti le elezioni, deludendo così ancor più la gente. La politica è un servizio, non una carriera da conquistare. Ho cercato di farlo vedere prima candidandomi a sindaco a Forlì nel 2009 con lo storico ballottaggio, poi con cinque anni di impegno da capogruppo in Consiglio Comunale e con la recente campagna elettorale per le Europee. E ora le prossime Regionali saranno un banco di prova e un’occasione per impegnarsi, senza cedere a estremismi e disfattismi, per un vero cambiamento.

Pubblicato l'11/9/2014 su https://www.facebook.com/rondonialessandro 

 

****

Comunicato stampa n. 486

RONDONI HA INCONTRATO IL MINISTRO LUPI SULL’AEROPORTO AL MEETING
IN VISTA DEL CONVEGNO DEL 28 AGOSTO A FORLI’ NELLA SEDE DI ENAV

Il politico forlivese: «Il Ministro dei Trasporti ha ribadito la necessità di una programmazione regionale integrata, di fare sistema senza spreco di risorse e concorrenza fra gli scali, ognuno con la sua vocazione»

Alessandro Rondoni ha incontrato il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, on. Maurizio Lupi, al Meeting di Rimini il 26 agosto, a margine della conferenza stampa dove è stato firmato l’accordo fra il Ministero e le FS italiane per la realizzazione di collegamenti di treni ad alta velocità con aeroporti. «Ho segnalato - afferma Rondoni - l’importanza del convegno che si svolgerà giovedì 28 agosto a Forlì nella sede di Enav, del tavolo istituzionale, del confronto fra i responsabili degli scali regionali e delle imprese disponibili a investire. E il Ministro ha ribadito la necessità di fare sistema, senza concorrenza fra gli aeroporti ma ognuno con la sua vocazione, con un uso migliore delle risorse e lo sviluppo di un progetto integrato. Queste cose le ha dette anche nell’intervista fattagli dal giornalista Farnè nel servizio andato in onda ieri sul Tg di Rai 3 Emilia-Romagna». Rondoni ha seguito anche l’atto della firma dell’accordo fra il Governo e le Ferrovie e l’incontro dove l’on. Lupi ha ricordato che nel prossimo Consiglio dei Ministri del 29 agosto verrà discusso il decreto “Sblocca Italia” con investimenti previsti per infrastrutture, collegamenti dell’alta velocità con aeroporti e altri nodi logistici. «Il Ministro - aggiunge il politico forlivese - ha assicurato che oltre all’alta velocità verrà migliorato il trasporto regionale per agevolare le condizioni di viaggio di pendolari, lavoratori e studenti, così come chiediamo da tempo e come domandai con mozioni negli ultimi anni in Consiglio Comunale. In quest’ottica anche il nostro territorio deve saper cogliere l’occasione per guardare avanti e richiedere ciò che serve per dotarsi di migliori servizi». In vista del convegno del 28 a Forlì nella sede di Enav Academy, Rondoni ha poi ribadito al ministro Lupi: «Come ho sostenuto anche nella recente campagna elettorale per le Europee, il sistema infrastrutturale del nostro territorio è importante e centrale come piattaforma logistica per il Corridoio europeo Baltico-Adriatico in un sistema integrato di aeroporti, porti, scali merci. Nell’incontro di Forlì si segnala la disponibilità di imprese a fare rete per investire, nel confronto fra gli aeroporti, compreso quello di Ancona, con la presenza di attori istituzionali, di enti locali e regionali e della Camera di Commercio, nell’ottica di fare sistema integrato».
Rondoni, che giovedì 28 agosto sarà presente nella sede di Enav a Forlì al convegno sugli aeroporti, al Meeting il 26 ha seguito anche l’incontro “Quale città per il nostro futuro?” con i sindaci Dario Nardella (Firenze), Giuliano Pisapia (Milano), Flavio Tosi (Verona) e parteciperà venerdì 29 a quello con il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, sul tema “La ricerca in medicina: una utilità per tutti”.

Forlì, 27/8/2014

1